Sapore di sale, Sei diventata nera e Abbronzatissima: i tormentoni estivi anni ’60

Estate vintage: viaggio tra i tormentoni estivi degli anni '60

Foggia Reporter

Con l’arrivo dell’estate arrivano loro, i tormentoni estivi, canzoni che ci accompagneranno fino a settembre e che segneranno le interminabili giornate della nostra estate fatte di gelati, tuffi, baci al sapore di salsedine e lunghe passeggiate al tramonto.

Ogni anno canzoni e canzonette dai ritornelli orecchiabili che canticchiamo sotto la doccia dopo una giornata di mare o in macchina, fanno da colonna sonora al periodo più atteso dell’anno, quello estivo. Si sa, non c’è cioccolata calda o plaid che tenga, l’estate è la stagione più amata dell’anno e, inevitabilmente e puntualmente, si ritrova ad essere legata ad una canzone.

La nascita dei primi tormentoni estivi risale agli anni ’60 quando in riva al mare si canticchiava e si ballava Tintarella di Luna di Mina con tanto di mosse di swing. Ed è proprio agli anni ’60 che vogliamo portarvi con questo primo articolo di una lunga serie dedicati ai tormentoni delle estati italiane.

Ecco le hit dell’estate degli anni ’60, qual è la vostra preferita?

Anno 1960: Marina (Rocco Granata), Tintarella di luna (Mina)

Anno 1961: Legata a un granello di sabbia (Nico Fidenco), Estate (Bruno Martino)

Anno 1962: Pinne fucile ed occhiali e Guarda come dondolo (Edoardo Vianello), San Tropez twist (Peppino Di Capri)

Anno 1963: Abbronzatissima (Edoardo Vianello), Stessa spiaggia, stesso mare (Piero Focaccia), Sapore di sale (Gino Paoli)

Anno 1964: Sei diventata nera (Los Marcellos Ferial), Una rotonda sul mare (Fred Bongusto), Con te sulla spiaggia (Nico Fidenco)

Anno 1965: E la chiamano estate (Bruno Martino), Il mondo (Jimmy Fontana)

Anno 1966: Riderà (Little Tony), Che colpa abbiamo noi (The Rokes)

Anno 1967: Stasera mi butto (Rocky Roberts)

Anno 1968: Luglio (Riccardo Del Turco), Azzurro (Adriano Celentano)

Anno 1969: Lisa dagli occhi blu (Mario Tessuto), Storia d’amore (Adriano Celentano),