Home»Attualità»Le panchine letterarie di Foggia arrivano su La Repubblica

Le panchine letterarie di Foggia arrivano su La Repubblica

Belle e particolari, le panchine letterarie realizzate nella nostra città hanno attirato l’attenzione del famoso quotidiano La Repubblica.

Le panchine letterarie stanno spopolando. Realizzate ormai nelle città più importanti d’Europa, prima dell’estate sono arrivate anche a Foggia. A realizzarle sono stati gli studenti dell’Accademia delle Belle Arti: cinque panchine ispirate a dei grandi capolavori letterari italiani.

Il risultato finale ha colpito così tanto che queste installazioni artistiche urbane – terminate definitivamente un mese fa – sono state menzionate anche da La Repubblica.

Ecco cosa scrive in merito il quotidiano nazionale:

‘Le chiamano panchine letterarie, ovvero panchine liberamente ispirate ai capolavori  della letteratura italiana. Hanno la forma di un libro aperto e  già da qualche anno spopolano nelle grandi città. Ora grazie agli studenti dell’accademia delle “Belle Arti”, arrivano anche a Foggia. Cinque quelle realizzare dai giovani per arricchire i giardini delle facoltà di medicina, giurisprudenza, agraria e lettere. Gli studenti Francesco Leone, Francesco Tomaiuolo, Giorgia Valente e Alessio Ciocia si sono liberamente ispirati ai libri  “Io non ho paura” di Niccolò Ammaniti, “Novecento” di Alessandro Baricco. Ed ancora “Il conto delle minne” di Giuseppina Torregrossa, “Un uomo” di Oriana Fallaci e  “La lunga vita di Marianna Ucria” di Dacia Maraini’.

Il progetto Panchine Letterarie dell’Università di Foggia è stato realizzato grazie al finanziamento della Fondazione dei Monti Uniti di Foggia e l’intervento artistico dell’Accademia di Belle Arti di Foggia, le panchine verranno presentate e consegnate alla comunità il prossimo 13 novembre con un evento pubblico che racconterà l’essenza, gli artisti le e storie legate al progett

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
1
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Spam e profili falsi, non c'è pace per il sindaco Landella

Articolo successivo

Ai domiciliari per spaccio di stupefacenti