Attualità

Peschici, “Siamo ottimisti e pronti per ripartire”: Al Trabucco da Mimì si prepara a riaprire

Peschici – La bella stagione si avvicina e per noi amanti del Gargano non è estate senza un ottimo bicchiere di vino da gustare al tramonto nella romantica cornice del ristorante Al Trabucco da Mimì, un piccolo e caratteristico gioiellino della ristorazione in località Punta San Nicola a Peschici.

L’anno scorso la nota e prestigiosa rivista Forbes lo ha incoronato tra i 10 ristoranti vista mare più belli d’Italia e quest’anno, in piena emergenza sanitaria Covid-19, il ristorante dei fratelli Ottaviano si prepara a riaprire le sue porte ai clienti.

“Apriamo il 30 maggio”, ci dice Vincenzo Ottaviano che insieme al fratello Domenico gestisce uno dei ristoranti più romantici e suggestivi della costa garganica.

Un ambiente all’aperto, rustico ed accogliente che appartiene alla famiglia Ottaviano da ben cinque generazioni fin dalla sua prima costruzione negli anni ’20.

Con l’estate alle porte sono tanti i clienti affezionati e i curiosi che stanno contattando i gestori del caratteristico ristorante di Peschici per conoscere le novità e le modalità di prenotazione.

Abbiamo scambiato quattro chiacchiere con Vincenzo Ottaviano, pronto a destreggiarsi nel suo gigante di legno tra mascherine, colonnine con diffusori gel e misure di sicurezza.

“La prenotazione sarà possibile farla esclusivamente online per l’bbligo di tenere traccia deglo ospiti – ci dice il ristoratore -, per quanto riguarda le misure di sicurezza abbiamo modificato degli spazi nel nostro ristorante distanziando i tavoli e garantendo così spazi più comodi riducenco i coperti in vista dell’apertura del 30 maggio.

Abbiamo scelto di posizionare i tavoli a due metri di distanza per garantire ai nostri clienti maggiore sicurezza, uno spazio molto gestibile quindi, e dovendo mantenere la distanza di un metro tra i commensali abbiamo dovuto ridurre leggermente i coperti per ogni tavolo”.

La bellissima sensazione di mangiare sul mare, inebriati dal profumo del nostro Mediterraneo all’ombra dello storico trabucco peschiciano, non verrà meno come garantisce Vincenzo: “Il gusto di mangiare a due passi dal mare non cambierà. La mascherina al tavolo si può anche non portare, ovviamente bisognerà indossarla se ci si sposta tra i tavoli o si va in bagno, la gente potrà continuare a godersi il pranzo e l’atmosfera di sempre”.

E aggiunge: “Per noi è una nuova abitudine quella di indossare la mascherina, eviteremo i contatti con i clienti e sicuramente ne risentirà un po’ la parte più emotiva del nostro lavoro, quella del contatto umano”.

Sarà sicuramente una stagione particolare e anomala per i ristoratori del noto Al Trabucco da Mimì, come del resto è il periodo che stiamo vivendo, ma Vincenzo è ottimista: “Io credo che la gente si adatterà, è nell’interesse di tutti rispettare le regole.

Sicuramente rispetto ai primi protocolli molto restrittivi, questo è molto più morbido e gestibile per noi.

Organizzeremo la nostra giornata in due turnazioni complete così da permettere alle persone di stare più tempo al tavolo e di igienizzare il tavolo nel modo più preciso possibile”.

E conclude: “Io sono positivo, credo che avremo una buona stagione e faremo un ottimo lavoro in Gargano e in Puglia in generale.

Abbiamo gli ambienti adatti, il nostro territorio è molto vasto, lo spazio non ci manca. Non è semplice ma siamo positivi, teniamo alto il morale!”

Annarita Correra

Mi chiamo Annarita Correra, ho 27 anni e amo raccontare storie. Credo che la bellezza salverà il mondo e per questo la cerco e la inseguo nella mia terra, la più bella del mondo. L’amore per la letteratura mi ha portato a conseguire la laurea triennale in Lettere Moderne e quella magistrale in Filologia Moderna. Ho collaborato con riviste online culturali, raccontando con interviste e reportage le bellezze pugliesi. La mia avventura con Foggia Reporter é iniziata cinque anni fa. Da un anno curo la linea editoriale del giornale, cercando di raccontare la città e la sua provincia in modo inedito, dando voce e spazio alla cultura e alle nostre radici. Mi occupo di web editor e creo contenuti digitali, gestisco la pagina Instagram del giornale raccogliendo e raccontando le immagini più belle delle nostra terra.

Articoli correlati

Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock