Gargano, uno spettacolo di baie e grotte marine dai nomi particolari

Natura selvaggia e panorami mozzafiato: ecco la la costa garganica

Foggia Reporter

La costa garganica è ricca di sorprese, è costellata da numerose baie e grotte marine meravigliose e caratterizzate da nomi molto particolari.

Spiagge attrezzate e selvagge si susseguono tra alte falesie, la macchia mediterranea e suggestivi panorami. Il Gargano è uno scrigno di numerosi tesori tutti da scoprire e da immortalare in splendide foto.

La costa del Gargano è sicuramente uno dei paesaggi più suggestivi di tutta la Puglia: acqua azzurra e cristallina, panorammi mozzafiato, caratteristiche calette, alte e bianche falesie a strapiombo sul mare, romantiche spiaggette di ghiaia raggiungibili solo via mare e un paesaggio che ci lascia sempre a bocca aperta regalando, soprattutto al tramonto e all’alba, spettacoli indimenticabili.

Partendo da Peschici e proseguendo verso sud si incontra il meraviglioso Arco di San Felice, una delle bellezze naturalistiche più spettacolari e suggestive di tutta la costa garganica che sorge nella caratteristica Baia di San Felice, incastonata in una cornice paesaggistica mozzafiato.

baia di san felice

In questa caratteristica baia situata nel comune di Vieste è presente anche un’antica torre costiera, la più orientale delle torri garganiche, la Torre di San Felice, dalla quale si può ammirare il particolare arco naturale.

Siamo arrivati nel territorio di Vieste, qui non possiamo non fare un salto nella splendida spiaggia di Pizzomunno (o spiaggia della Scalara), chiamata così in in onore del famoso monolito calcareo che sorge nelle acque e che è legato ad una romantica leggenda.

spiaggia di pizzomunno
Pizzomunno, crediti: thewebcoffee.net

Sempre lungo la costa di Vieste ci imbattiamo nella Grotta dei contrabbandieri, denominata così per ricordare le tante storie legate alle peripezie di due criminali, che si nascosero nella cavità per sfuggire all’arresto.

Continuamo il nostro viaggio tra le grotte marine e le baie del Gargano visitando la particolare Grotta due occhi. Lungo il litorale tra Vieste e Mattinata, dopo aver superato la Baia di Campi, troviamo una delle grotte più suggestive del Gargano. Gli occhi di questa grotta sono costituiti dalle due singolari aperture sulla sua sommità, quasi invisibili, nascoste dai pini d’Aleppo che fanno da corona. Attraverso le foglie la luce filtra nella grotta marina creando particolarissimi giochi di luce e ombra.

grotta-due-occhi-interno

Nelle vicinanze si può ammirare un’altra splendida grotta marina, Grotta Sfondata. Un nome strano facilmente riconducibile all’aspetto di questa suggestiva cavità marina. Questa galleria ha una forma molto particolare, il suo soffitto è completamente crollato (da qui l’aggettivo “sfondata”) e permette ai raggi del sole di ricreare bellissimi riflessi che colorano l’acqua di meravigliosi colori.

grotta sfondata gargano
Crediti Foto: Matteo Nuzziello

A poche bracciate si può raggiungere la Grotta dei pomodori. Il nome di questa grotta è dovuto alla presenza di insoliti molluschi rossi che con la loro forma simile ai pomodori cingono le pareti della grotta donandole un aspetto molto particolare.

Proseguendo il nostro viaggio verso Pugnochiuso, raggiungiamo la caratteristica Grotta delle sirene, lì dove secondo la leggenda un tempo dimoravano delle sirene. Secondo le tante leggende, le grotte marine non sono altro che i ripari delle sirene. In questi luoghi le mitologiche e spaventose figure dal canto ammaliatore imprigionavano con catene le giovani fanciulle di cui erano gelose.

Continuiamo ad esplorare la costa garganica e arriviamo alla splendida spiaggia di Vignanotica, un paradiso caratterizzato da natura selvaggia e incontaminata, bagnato dal mare cristallino.

vignanotica

Concludiamo, per ora, il nostro tour, con il cuore e gli occhi ricchi di meraviglia e di tanta bellezza. La nostra terra è magica, bisognerebbe solamente amarla e valorizzarla di più.