Home»Economia»Padova: mercato immobiliare in ripresa

Padova: mercato immobiliare in ripresa

Mercato in ripresa nel padovano, segnali positivi anche in provincia di Foggia

Buone notizie per il mercato immobiliare di Padova e provincia. I principali indicatori tornano a
crescere, riflettendo una importante inversione di tendenza, soprattutto per gli immobili di qualità.

Immobili di qualità traino della ripresa

A favorire l’inversione di tendenza sono soprattutto gli immobili di qualità che tornano ad attrarre acquirenti. È quanto emerge da uno studio condotto da IPI Intermediazione per conto di Confartigianato Padova, presentato di recente in un appuntamento dal titolo “Una strategia congiunta per riqualificare il patrimonio immobiliare di Padova”. L’anno scorso, in tutti i segmenti di mercato, il numero delle compravendite nella provincia hanno fatto registrare un incremento. Un primo segnale importante.

I segnali positivi

Se gli immobili di qualità hanno fatto la differenza, è innegabile che sul mercato immobiliare padovano hanno pesato anche fattori esterni che stanno sostenendo la ripresa in tutto il Paese. In particolare, lo studio mette in evidenza come la ripresa economica e il miglioramento delle condizioni proprie del mercato del lavoro siano tra i fattori scatenanti del nuovo trend positivo. Positive anche le condizioni favorevoli per l’accesso al credito che hanno effetti diretti sul mercato immobiliare. Lo stesso vale per la ripresa dei prezzi degli immobili che negli ultimi anni si sta affermando quale indicatore positivo, andando ad affiancare l’aumento del numero di compravendite che invece è iniziato prima.

Tutto pronto per il trasloco?

La ripresa delle compravendite offre un interessante spaccato anche sulle tendenze della società. Torna la fiducia dei consumatori che, dopo anni difficili, tornano a progettare e a investire nel mattone, come da lunga tradizione italiana. Molto spesso, infatti, le famiglie italiane comprano casa come investimento privilegiato ma anche per abitarci. E se questo è vero, allora, Padova si prepara a vivere una fase di importante mobilità. Tanti i traslochi in vista e la città non si fa trovare impreparata anche grazie alla presenza di Giffi Noleggi che offre, soprattutto online, la possibilità di affrontare anche i traslochi più complessi a prezzi competitivi, con il noleggio di piattaforme aeree a Padova a portata di click.

Valorizza l’immobile se vuoi vendere

Lo studio commissionato da Confartigianato Padova evidenzia una trasformazione importante nel mercato immobiliare cittadino. “I dati sono incoraggianti e l’ottimismo è pienamente giustificato – dice a commento del report Alessandro MarinoResponsabile della filiale IPI Padova -. Il mercato odierno però non è più quello pre-crisi e la valorizzazione dell’immobile è diventato un elemento imprescindibile per cavalcare i segnali positivi che arrivano dal mercato”.

I dati. Il mercato immobiliare di Padova rappresenta circa il 20 per cento del totale regionale. Nel 2017 si registra un incremento del 2,7 per cento del numero di compravendite nella zona, evidenziandone la ritrovata dinamica positiva del mercato. Un andamento che rafforza una tendenza in atto dal 2015. In media, i prezzi variano dai 2.200 ai 2.800 euro al metro quadro per le zone della città considerate centrali e di pregio, per toccare i 1.500 euro al metro quadro per le aree semicentrali e i mille euro al metro quadro per le zone più periferiche. Diminuiscono i tempi necessari per finalizzare la vendita di un immobile e diminuisce anche l’importo dello sconto medio. Tutti segnali incoraggianti per un mercato che ha conosciuto una forte depressione, in linea con l’andamento nazionale.

Dove si compra di più

L’offerta ampia porta a una forte competitività che deve tradursi nella valorizzazione dell’immobile. A Padova si compra soprattutto in determinate aree: il Centro Storico, la zona Istituti universitari, Sacra Famiglia, San Giovanni, San Giuseppe e Basso Isonzo. La domanda relativa al quartiere di Arcella è sostenuta soprattutto dai prezzi competitivi. Bene anche la zona di Tencarola e del comune di Selvazzano.

1
Condivisioni
Pinterest Google+
Articolo precedente

Legambiente: subito l'Anagrafe completa delle scuole italiane

Articolo successivo

Anche il turismo è sempre più digitale

Nessun commento

Lascia un commento