Home»Cultura e territorio»Piazza Umberto Giordano: le origini

Piazza Umberto Giordano: le origini

Tutti la conoscono, tutti la frequentano... Ma chi conosce tutta la storia di piazza Umberto Giordano?

Tutti la conoscono, tutti la frequentano… Ma chi conosce tutta la storia di piazza Umberto Giordano?

Difficile, praticamente impossibile, raggiungere il centro senza passare per piazza Umberto Giordano. Con le sue panchine e i suoi cespugli, è una delle piazze più conosciute e frequentate della città, non fosse altro che per il suo essere all’interno della zona pedonale del centro, lì dove ci sono i negozi.

Ricordiamo insieme la storia di questa pietra miliare di Foggia. Progettata e realizzata nel 1871, inizialmente era stata dedicata a Vincenzo Lanza: era sua, difatti, la statua che campeggiava al centro della piazza. Qualche tempo dopo, nel 1928, la statua di Lanza fu spostata all’interno della villa comunale e fu rimpiazzata dal Monumento ai Caduti, alla cui inaugurazione presenziò il re.

La dedica della piazza ad Umberto Giordano arrivò molto più tardi, nel 1948, anno della morte del compositore. E solo nel 1962 fu installata la statua in suo onore, costruita dall’artista veneziano Romano Vio e inaugurata alla presenza del figlio. Il Monumento ai Caduti fu spostato al centro di Piazza Italia.

Nel corso degli anni successivi, la piazza fu teatro di diversi lavori di ristrutturazione, fino a quando, il 18 ottobre del 2008, fu inaugurata la sua struttura odierna.

Tra le sedute e gli alberi, all’interno della piazza, si trovano, oltre a quella dedicata ad Umberto Giordano, diverse statue.

Il 18 ottobre 2008 la piazza è stata riconsegnata, dopo diversi rifacimenti susseguitisi di anno in anno, ai cittadini foggiani nella sua versione definitiva, quella che possiamo ammirare ancora oggi.

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Cuccioli in gabbia, la posizione dell'Associazione 'A largo raggio'

Articolo successivo

Tra luci, musiche e magie, si prospetta un magico Natale