Cultura e territorio

Santuario di San Michele Arcangelo, nel cuore del Gargano un luogo carico di fascino e spiritualità

Dieci anni fa il Santuario di San Michele Arcangelo di Monte Sant’Angelo è stato riconosciuto come Patrimonio Mondiale dell’Umanità Unesco. Nel cuore del Gargano, tra mare e cielo, il suggestivo santuario ogni anno richiama l’attenzione di tantissimi pellegrini in tutto il mondo.

Ad oggi, infatti, il Santuario di Monte Sant’Angelo è considerato uno dei più autorevoli e affascinanti beni culturali del mondo, ed è sicuramente uno dei luoghi di culto e pellegrinaggio più importanti del nostro Paese.

Come una vera e propria bomboniera incastonata nel promontorio montuoso del Gargano, Monte Sant’Angelo è conosciuta in tutto il mondo per il Santuario di San Michele Arcangelo, luogo di culto e pellegrinaggio dalla tipica facciata romanica, diventato dal 2011 patrimonio dell’UNESCO. Per la sua posizione offre splendidi panorami che abbracciano il mare e la montagna in un unico colpo d’occhio.

La suggestiva grotta dell’arcangelo Michele il 5 gennaio 2014 è stata eletta dal National Geographic Society come una delle grotte più belle del mondo. L’affascinante grotta di Monte Sant’Angelo si è classificata all’ottavo posto tra le prime dieci ed è l’unica grotta italiana ad essere menzionata in questa particolare top ten mondiale.

Dal vestibolo della chiesa, dopo una scalinata di 86 gradini, si arriva alla Sacra Grotta, il luogo più importate del Santuario. Qui si può leggere un’iscrizione dalla forte carica spirituale con le parole dell’Arcangelo Michele che recitano: “Dove si spalanca la roccia, lì saranno perdonati i peccati degli uomini”.

Il Santuario e la Linea Sacra di San Michele

Il Santuario di San Michele Arcangelo risale al 500 d.C. e si sviluppa sull’antica Via Sacra Langobardorum. Si tratta di un luogo molto particolare, affascinante e tanto suggestivo, unico al mondo per la forte spiritualità che trasmette.

Secondo la tradizione tra il V e VI secolo, sotto la dominazione dei Longobardi, il Santuario venne eretto per volontà del vescovo di Siponto Lorenzo Maiorano dopo tre apparizioni dell’Arcangelo. La grotta, luogo delle apparizioni dell’Arcangelo, divenne così un luogo di culto e da quel momento iniziò ad accogliere pellegrini e crociati diretti in Terrasanta.

Ad alimentare l’alone di spiritualità e mistero intorno al Santuario micaelico del centro garganico vi è la leggenda della Linea Sacra di San Michele, una linea immaginaria che simboleggerebbe il colpo di spada che l’arcangelo inflisse a Satana per rimandarlo negli inferi e che collegherebbe ben sette santuari dedicati a San Michele, dall’Irlanda ad Israele, passando per Monte Sant’Angelo.

La provincia di Foggia e il legame con San Michele Arcangelo

Il legame dell’Arcangelo Michele, capo delle Schiere Celesti, con la Capitanata è molto forte. Il culto di San Michele Arcangelo è molto sentito in tutto il Gargano, fu istituito dall’Imperatore Costantino I nel 313.

La tradizione vuole che in due grotte garganiche l’arcangelo guerriero abbia fatto la sua apparizione: nella grotta più famosa di Monte Sant’Angelo e in quella di Cagnano Varano, luoghi entrambi molto suggestivi che meritano di essere visitati.

In queste due grotte, successivamente, furono costruiti due santuari, luoghi di culto che ogni anno ospitano tantissimi turisti e pellegrini giunti da ogni parte del mondo per pregare San Michele Arcangelo, l’arcangelo simbolo della lotta del bene contro il male.

Oltre alle grotte micaeliche del Gargano, anche ad Orsara il culto dell’Arcangelo è molto sentito. Il piccolo centro della provincia di Foggia, infatti, custodisce l’antica Grotta di San Michele.

Nel Tardo Medioevo i Calvalieri di Calatrava e i monaci basiliani si stanziarono nel piccolo borgo dauno, diffondendovi il culto dell’Arcangelo Michele, oggi testimoniato dalla lapide ubicata all’interno della Grotta del Santo.

Questa antica e suggestiva grotta è risalente al 1100. Si tratta della prima costruzione storica di Orsara di Puglia. La Grotta di San Michele costituisce il nucleo originale dell’intero complesso abitativo del paese. Posta su una delle direttrici che portavano sin dall’antichità alla Sacra Grotta di Monte Sant’Angelo, la grotta di Orsara è ricavata da un anfratto naturale ed è una replica della grotta di Monte Sant’Angelo.

san michele arcangelo
Crediti: Famiglia Cristiana
Fonte: visitmontidauni.it

Redazione

Foggiareporter.it è il quotidiano online della Provincia di Foggia. Cronaca, eventi, politica e sport dalla Capitanata. Leggi tutti i nostri articoli.
Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock