Home»Politica»Referendum, Marasco: “Il voto esprime una forza democratica autentica”

Referendum, Marasco: “Il voto esprime una forza democratica autentica”

Analizza Marasco: "Per quanto la democrazia diretta sia difficile nelle società complesse, il voto referendario esprime una forza democratica autentica."

“Finalmente possiamo tornare a pronunciare questo straordinario monosillabo che è il Sì: SI alla nostra Costituzione, SI alla lealtà nei suoi confronti, si alla democrazia, SI allo sviluppo SI l’Italia agli Italiani. La vittoria del No.”

Comincia così la nota stampa di Giuseppe Marasco, presidente della Civilis Onlus. “L’articolo 138, diventato famoso nelle famiglie italiane, ha fatto il proprio dovere: ha rimarginato la spaccatura partitica registrata in Parlamento deferendo ai cittadini, 47 milioni più gli italiani all’estero, il compito di decidere”, prosegue il comunicato.

Analizza Marasco: “Per quanto la democrazia diretta sia difficile nelle società complesse e in qualche caso abbia dato risultati insoddisfacenti, tuttavia, quando la partecipazione sia massiccia (e come non rallegrarsi – tutti – del ritorno alle urne degli italiani) il voto referendario esprime una forza democratica autentica. Per conseguire questo risultato è necessaria una buona legge elettorale e la base è la sentenza della Corte Costituzionale che ha tolto di mezzo l’obbrobrio antidemocratico del Porcellum. Deve esser chiaro che nessuna legge che ne sia continuazione logica – forse dovremmo dire – che faccia gli interessi dei partiti è fuori dalla Costituzione. Prima ancora che la Corte si pronunci, deve svilupparsi un anticorpo democratico, il controllo degli elettori- cittadini -persone. Questi dovranno gridare la propria fedeltà alla Carta ed “intimorire” ogni forza politica che provi ad aggirarla, al servizio di questo o quell’interesse lobbistico, nazionale od internazionale.”

“Non è l’Italia il solo Paese a sperimentare un tempo politico nel quale si debbano rivedere i punti di equilibrio tra rappresentanza e governabilità – afferma Marasco -. Le scorciatoie prese in altri ordinamenti, lo testimonia la storia, li hanno proiettati in vicoli ciechi. Noi vorremmo che fossero espulsi meccanismi truffaldini, a cominciare da premi di maggioranza, essi si incostituzionali, ed espulse le forze che li hanno somministrati in questi anni. I partiti della Prima Repubblica sono stati sommersi dal discredito della corruzione; i loro successori hanno aggiunto a chiare tentazioni malavitose una disperante incapacità di Governo. La governabilità è figlia di buone leggi e di grandi intelligenze, e di inclusi che metta in grado di arricchire la comunità di tutte le risorse che possiede. Partiti e neoformazioni hanno costruito nel ventennio berlusconiano recinti da cupole e, fuori, è rimasto ciò che di meglio il Paese possiede, la sua secolare storia di intelligenza politica che ha fatto di un piccolo Paese, non particolarmente ricco di risorse naturali, un grande Paese”.

“Per primo, ha inaugurato una tribuna della verità referendaria – conclude il presidente di Civilis -. Gli chiediamo di aprire una tribuna del cambiamento democratico. E, sia chiaro, nessuno pensi di nascondersi nelle pieghe della democrazia per ucciderla.”

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Referendum, Gatta (FI): "Straordinaria giornata di democrazia”

Articolo successivo

Albero d'Autore, a Lucera il Natale è solidale