Politica

Foggia, un concorso per sostituire i fasci littori di piazza Italia

La proposta è del movimento di cittadinanza attiva 'Progetto Concittadino Foggia' , presieduto dal consigliere comunale Antonio De Sabato

FOGGIA – “Sostituire i fasci littori in piazza Italia a Foggia, non come gesto di cancellazione della storia ma come segno di rispetto per le vittime del regime fascista e come un’opportunità per costruire un futuro basato sull’inclusione e sulla memoria condivisa”.

E’ quanto propone il movimento di cittadinanza attiva ‘Progetto Concittadino Foggia’ in occasione del 25 aprile. La proposta è rivolta all’amministrazione comunale come “atto simbolico di rinnovamento ed unità”. “I fasci littori, collocati in piazza Italia, sono un simbolo controverso e doloroso del passato fascista del nostro paese”, spiega il movimento.
    “Festeggiare la nostra liberazione dal fascismo e dal nazismo come italiani, come foggiani, significa certamente gioire ancora una volta, meditare, custodire la memoria dei partigiani e di tutti gli antifascisti che hanno riconquistato le nostre città alla civiltà e al rispetto dell’uomo sull’uomo; assicurarsi che questa memoria giunga ai giovani, nelle scuole, nelle famiglie, nei luoghi di aggregazione e di vita”, sottolinea il presidente del movimento Antonio De Sabato.
    “Piazza Italia, di fronte al prestigioso liceo classico Lanza Perugini, è il luogo ideale per unire storia e contemporaneità. Ecco perché il 25 aprile – aggiungono i coordinatori di ‘Progetto Concittadino’, Alessio Lusuriello e Mercurio D’Aloia – è soprattutto una grande responsabilità collettiva: consapevolezza che libertà e democrazia non sono doni ma conquiste raggiunte con la lotta, patrimonio collettivo da presidiare e manutenere costantemente”.
    Il movimento sollecita anche l’amministrazione a indire un concorso di idee aperto a tutti i cittadini per arricchire e valorizzare questo spazio pubblico. “Il concorso – concludono – avrà l’obiettivo di raccogliere proposte creative e innovative per la riqualificazione o sostituzione dei fasci presenti in piazzale Italia e farne un simbolo di una nuova storia comune e della lotta per la libertà”.

Vincenzo D'Errico

Giornalista professionista e scrittore, impegnato a lungo nell’emittenza locale, collaboratore del quotidiano L’Edicola del Sud, direttore della Rivista Filosofia dei Diritti Umani / Philosophy of Human Rights.

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio