Attualità

“Grazie agli angeli del Riuniti di Foggia”, Filomena ha sconfitto il Coronavirus e finalmente torna a casa

Foggia – “Finalmente a casa! Durante i giorni di febbre alta ero consapevole di stare lottando contro qualcosa di terribile; proprio quando credevo che il peggio fosse passato quel “qualcosa” ha iniziato a togliermi l’aria ed ho sentito la vita scivolarmi via…per fortuna l’abbiamo capito in tempo e siamo corsi da loro, dagli “angeli”, non quelli in cielo ma gli “angeli” del Reparto Malattie Infettive Covid del Policlinico Riuniti di Foggia“.

Finalmente a casa!!Durante i giorni di febbre alta ero consapevole di stare lottando contro qualcosa di terribile; proprio quando credevo che il peggio fosse passato quel "qualcosa" ha iniziato a togliermi l'aria ed ho sentito la vita scivolarmi via…per fortuna l'abbiamo capito in tempo e siamo corsi da loro, dagli "angeli", non quelli in cielo ma gli "angeli" del Reparto Malattie Infettive Covid del Policlinico Riuniti di Foggia. Non finirò mai di ringraziare tutto il personale sanitario: medici, infermieri. oss che con grande professionalità e dedizione mi hanno (così come a tanti altri) tirata fuori da un tunnel. Con grande umanità mi hanno supportata e confortata nei momenti di fragilità, perché restare "isolati" per 50 giorni non è facile.Ho imparato a riconoscerli dagli occhi, l'unica parte visibile quando entravano tutti bardati, in quegli occhi inizialmente vedevo tanto timore: mettono a rischio la propria vita per salvare la nostra; poi tanto coraggio, forza, entusiasmo, affetto…quell'affetto che, come una grande famiglia, mi hanno donato fino al ritorno a quello della mia. Sarò sempre grata e riconoscente a tutti loro e a tutte le persone care che, fuori da quel reparto, mi sono state vicine con messaggi, telefonate e con la preghiera. Grazie, infinitamente grazie a tutti!

Pubblicato da Filomena Frecina su Lunedì 18 maggio 2020

A scrivere è Filomena Frecina, una paziente Covid del Riuniti di Foggia che ha sconfitto quel nemico meschino e invisibile che chiamiamo Coronavirus.

Tanta la gioia nelle parole di Filomena che, dopo essere tornata a casa e aver riabbracciato la sua famiglia dopo un periodo di totale isolamento durato ben 50 giorni, ha voluto condividere sui social la sua esperienza.

“Non finirò mai di ringraziare tutto il personale sanitario: medici, infermieri. oss che con grande professionalità e dedizione mi hanno (così come a tanti altri) tirata fuori da un tunnel.

Con grande umanità mi hanno supportata e confortata nei momenti di fragilità, perché restare “isolati” per 50 giorni non è facile.

Ho imparato a riconoscerli dagli occhi, l’unica parte visibile quando entravano tutti bardati, in quegli occhi inizialmente vedevo tanto timore: mettono a rischio la propria vita per salvare la nostra.

Poi tanto coraggio, forza, entusiasmo, affetto…quell’affetto che, come una grande famiglia, mi hanno donato fino al ritorno a quello della mia.

Sarò sempre grata e riconoscente a tutti loro e a tutte le persone care che, fuori da quel reparto, mi sono state vicine con messaggi, telefonate e con la preghiera. Grazie, infinitamente grazie a tutti!”, queste le sue parole nei confronti dei tanti medici, infermieri e operatori sanitari del Riuniti di Foggia che le sono stati vicini in quei pesanti giorni in ospedale.

Redazione

Foggiareporter.it è il quotidiano online della Provincia di Foggia. Cronaca, eventi, politica e sport dalla Capitanata. Leggi tutti i nostri articoli.

Articoli correlati

Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock