Home»Cronaca»Agricoltura ostaggio della criminalità, Cia Puglia: “Situazione drammatica”

Agricoltura ostaggio della criminalità, Cia Puglia: “Situazione drammatica”

L'ultimo episodio a Castellaneta, con l'irruzione di una banda armata in una masseria

“Episodi come quello di Castellaneta sono gravissimi: è inaccettabile che la criminalità tenga in ostaggio il presente e il futuro dell’agricoltura”. E’ con queste parole che, Raffaele Carrabba, presidente regionale di CIA Agricoltori Italiani di Puglia, commenta il gravissimo episodio accaduto nella notte di mercoledì 22 novembre 2017 quando una banda criminale, composta da almeno 5 persone armate di pistole e fucili, ha fatto irruzione in una masseria di Castellaneta, terrorizzando e derubando un’intera famiglia di agricoltori in contrada Trio Primo. “Solo grazie ai Carabinieri della Compagnia di Castellaneta, che sono intervenuti tempestivamente mettendo in fuga i malviventi, l’assalto non ha avuto conseguenze tragiche, i militari dell’Arma meritano un plauso”, ha commentato Francesco Passeri, presidente provinciale di CIA Agricoltori Italiani di Taranto. L’organizzazione agricola, che negli ultimi anni ha organizzato molteplici iniziative e avanzato diverse proposte sul problema sicurezza nelle campagne, torna a chiedere con forza che le imprese del comparto primario non siano lasciate sole.

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Regolamentazione dei "Compro Oro", la Polizia incontra i commercianti

Articolo successivo

A Foggia parte la seconda edizione del progetto "Araba fenice"