Cultura e territorio

Quando Foggia ricevette la medaglia d'oro al valor civile e militare

Foggia – Il martirio di Foggia, di questa città che alla guerra ha dato un contributo di sangue e di averi incommensurabili, va sempre più trovando nelle sfere nazionali militari e governative il suo giusto riconoscimento. La città che iniziò la sua missione di guerra sin dal 1941, quale centro propulsore della zona di immediata retrovia del fronte greco, divenne in seguito punto nevralgico di traffici aerei e terrestri dell’intero scacchiere bellico Europeo.

Memore di questo olocausto di vite e di affetti dati senza nulla chiedere, il Comando del IX Territorio Militare di Bari-Stato Maggiore-avanzato dal Ministro della Difesa propose la Medaglia d’Oro alla nostra città dandone comunicazione al Sindaco di Foggia. La medaglia d’oro alla città di Foggia aveva la seguente motivazione: Foggia, cuore del Tavoliere delle Puglie, centro nevralgico di una popolazione sobria, nel breve volgere di pochi mesi fu investita dalla furia devastatrice della seconda guerra mondiale. A centinaia gli aerei nemici si avvicendarono nel suo territorio lanciando il suo carico di morte.

Abbattute le case, sconvolte le vie, privata l’acqua e di ogni difesa contraerea, Foggia rimase alla mercè della potenza nemica che letteralmente l’annientarono come centro urbano sede di antiche attività civili, sociali, familiari. Fosse comuni rinchiusero allora a migliaia i resti mortali di intere famiglie, di uomini di ogni età, di donne, di fanciulli, di soldati, che indifesi caddero sotto i colpi del nemico.

Nonostante l’immane tragedia, tra la desolazione e le rovine, la popolazione seppe tenere alto il morale, si chiuse nel suo muto dignitoso dolore, sopportando senza piegarsi allo sconforto ogni successiva sciagura. La mirabile fierezza d’animo della sua gente, non mai scalfita dalle distruzioni, dai sacrifici, né sangue così copiosamente versato, sia di monito imperituro alle future generazioni d’Italia, che alla Patria tutto si può dare.

Il Presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, ha conferito proprio alla città di Foggia la medaglia d’oro al Valor Militare per la testimonianza di coraggio offerta dalla cittadinanza in occasione dei bombardamenti degli alleati anglo-americani nel 1943, durante la seconda guerra mondiale. Il 25 Aprile 2007 la città Foggia ha ricevuto, questo riconoscimento che va ad accompagnare la medaglia al valor civile ottenuta l’8 Luglio 1959, Foggia riceve la medaglia d’oro al valor civile per “atti di abnegazione” durante la guerra facendo così che il gonfalone di Foggia sia il più blasonato della puglia e certamente tra i più blasonati d’Italia.

Certamente entrambi i riconoscimenti sono stati tristemente meritati perché Foggia, per il ruolo e il rilievo militare fu bersagliato da numerosi bombardamenti da parte di aerei anglo-americani, ci furono 20.000 vittime e il 75% dei fabbricati furono distrutti.

A cura di Ettore Braglia

Redazione

Foggiareporter.it è il quotidiano online della Provincia di Foggia. Cronaca, eventi, politica e sport dalla Capitanata. Leggi tutti i nostri articoli.

Articoli correlati

Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock