Cultura e territorio

Alla scoperta delle bellezze del Gargano con gli scatti di Matteo Nuzziello, dai borghi alle spiagge da sogno

Se sui social si pensa al Gargano e ai suoi luoghi da sogno la mente corre inevitabilmente ad un nome: Matteo Nuzziello. I suoi scatti di spiagge, grotte marine, borghi e panorami da sogno fanno il giro dei social ed è impossibile non averli ammirati almeno una volta tra condivisioni e repost.

Il Gargano è un territorio che custodisce luoghi ancora selvaggi e incontaminati in cui domina la profumata e fitta macchia mediterranea, spiagge nascoste e sconosciute, scorci che fanno innamorare turisti provenienti da tutto il mondo. Il “compito” che si è dato Matteo Nuzziello, manfredoniano appassionato di fotografia, è proprio quello di raccontarlo con le sue foto.

Credits: Matteo Nuzziello

Dopo avervi portato alla scoperta del borgo di Bovino chiacchierando con Michele Grande e tra le bellezze della Capitanata più autentica con Paolo Partipilo, questa volta vogliamo partire alla volta dello Sperone d’Italia con gli incredibili scatti di Matteo Nuzziello. Abbiamo scambiato quattro chiacchiere con lui per conoscere da vicino la passione che lo ha spinto a ritrattare un territorio che non finiremo mai di conoscere e che riesce sempre a stupirci.

Credits: Matteo Nuzziello

Quando e come è nata la passione per la fotografia?

La mia passione per la fotografia nasce andando indietro di una decina di anni fa, ciò che mi porta alla fotografia è la voglia di immortalare la bellezza dei momenti di vita che osservo e di tutto quello che ritengo bello, dal paesaggio, eventi popolari e culturali del nostro territorio. Nel tempo ciò si è trasformato nella voglia di imprimere nello scatto la bellezza del nostro territorio ed eccomi qui a fotografare ogni angolo di paradiso del nostro Gargano.

Nel mio animo sono un piccolo sognatore che crede che la bellezza va tutelata in modo che tutti possano goderla. Oggi per me la fotografia è anche un modo per viaggiare e conoscere posti e tradizioni di posti unici in Italia.

Credits: Matteo Nuzziello

Ami il Gargano e il tuo amore per questa terra così selvaggia e autentica si percepisce nei tuoi scatti.

Il Gargano è qualcosa che mi inebria i sensi. Posso andarci tutti i giorni, l’odore della sua vegetazione, i suoni che ti avvolgono, la straordinaria e diversa bellezza di ogni posto fa si che non finisce mai di sorprenderti. Non è facile poter dire io conosco il Gargano, non si finisce mai di conoscerlo.

monte-sant-angelo
Crediti Foto: Matteo Nuzziello

Qual è la località in cui ti senti davvero a casa e perché?

Questa domanda mi mette in difficoltà. Direi tutte e non direi una bugia. Fare una classifica diventa arduo, per me è come tradire un posto per un altro. Se dovessi classificarli come posti dove trovo pace per il mio animo e mi sento a casa direi le Isole Tremiti, Baia delle Zagare e Vignanotica. Ogni posto ha una sua originalità, tutte hanno un loro fascino diverso.

Credits: Matteo Nuzziello

Il Gargano è un territorio tutto da scoprire che dalla montagna porta al mare, preferisci fotografare i borghi montani o i borghi marini?

Chi ama la bellezza del territorio non fa distinzione tra borghi montani e borghi marini.Tutto ciò che arriva al cuore tramite gli occhi va fotografato e condiviso con altri.

Credits: Matteo Nuzziello

C’è uno scatto che ti ha emozionato particolarmente?

Gli scatti che ho nel cuore sono tantissimi, il Gargano offre tanti angoli paradisiaci, vi è il paesaggio con la sua bellezza selvaggia e i centri storici unici delle belle cittadine. In questo periodo gli scatti (sono più di uno) che più’ mi hanno emozionato sono quelli delle Isole Tremiti con la loro bellezza selvaggia
e i loro colori stupendi, potrei dire che qui si trova il più bel mare dell’Adriatico.

Con le tue foto e i tuoi video hai aiutato molte persone a conoscere angoli stupendi del Gargano. Hai mai pensato di raccogliere i tuoi lavori in una mostra dedicata alla Montagna del Sole?

Senza presunzione direi che un fondo di verità è presente nella tua affermazione. Da anni con le mie foto e storie smuovo la curiosità di tanti che vogliono conoscere il nome e la posizione di un posto. Il Gargano tanti credono di conoscerlo, ma non è cosi, io tutt’ora scopro angoli di paradiso mai frequentati. Per una mostra sul Gargano, in passato ci pensai, mai dire mai, nel frattempo continua a fotografarlo, chissà che un giorno mi decida di farla.

Credits: Matteo Nuzziello

Dalle Tremiti a Vignanotica, le spiagge della provincia di Foggia sono incantevoli. Secondo te qual è la spiaggia più bella e perché?

Come con la terza domanda anche qui mi trovi in difficoltà ma devo rispondere con il cuore in mano, dire le Isole Tremiti per la loro bellezza incontaminata oltre ad un mare cristallino e cale bellissime sono un posto dove sembra davvero di essere in paradiso. Quindi a seguire Baia delle Zagare e Vignanotica. Potrei continuare con Porto Greco, Baia dei colombi, Cala Molinella, Baia San Felice… non finirei mai di elencarle, ogni luogo con una bellezza diversa.

Credits: Matteo Nuzziello

Da autoctono cosa ne pensi della promozione turistica del Gargano? Cosa si potrebbe fare per migliorarla il prossimo anno?

Da autoctono e non professionista del settore, direi che dovrebbe essere più sinergia tra i comuni nel campo della promozione, eliminando il campanilismo garganico duro da morire. Bisogna comprendere che se tutti assieme promuoviamo il Gargano il turista ha una attrazione maggiore verso il territorio, di conseguenza tutti ne otterebbero benefici.

Offrendo una varietà di servizi e offerte turistiche si riuscirebbe ad incentivare ogni particolare richiesta del turista. Faccio un esempio, noi abbiamo oltre ad un mare stupendo anche la Foresta Umbra, cibo, tradizioni popolari e un Gargano religioso. Bisognerebbe dare più servizi (parcheggi, guide turistiche esperte, collegamenti adeguati al territorio) e offerte turistiche diversificate (trekking, mountebike in Foresta, sentieri naturalistici, servizi canoe a mare, escursione in mare, visite con guide esperte nei centri religiosi) ecc.

Tutto questo fatto in simbiosi tra i territori si darebbe una risposta alle richieste diversificate del turista e un ritorno a vantaggio del territorio e dell’economia stessa.

 

Annarita Correra

Mi chiamo Annarita Correra, ho 28 anni, sono una giornalista pubblicista, una copywriter, content creator e cantastorie. Credo che la bellezza salverà il mondo e per questo la cerco e la inseguo nella mia terra, la più bella del mondo. L’amore per la letteratura mi ha portato a conseguire la laurea triennale in Lettere Moderne e quella magistrale in Filologia Moderna. Ho collaborato con riviste online culturali, raccontando con interviste e reportage le bellezze pugliesi. La mia avventura con Foggia Reporter é iniziata cinque anni fa. Da due anni curo la linea editoriale del giornale, cercando di raccontare la città e la sua provincia in modo inedito, dando voce e spazio alla cultura e alle nostre radici. Scrivo e creo contenuti digitali, gestisco la pagina Instagram del giornale raccogliendo e raccontando le immagini più belle delle nostra terra.
Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock