Cultura e territorio

Pane e pomodoro: alla scoperta delle ricette foggiane con Metti Tavola

Inizia il nostro viaggio alla scoperta di alcuni piatti tipici della tradizione foggiana in collaborazione con i due foggiani di Metti Tavola e il loro gustoso progetto “Foggia è buona“. Metti tavola è il format attivo da due anni e mezzo su Facebook (www.facebook.com/mettitavola/) e Instagram (@metti_tavola) con cui moglie e marito, Donatella e Antonio, realizzano e recensiscono ricette da leccarsi i baffi. Ma non solo. I due foggiani, con i loro scatti e le loro ricette, cercano di promuovere Foggia e la sua provincia.

Da amanti delle tradizioni e della buona cucina casereccia, noi di Foggia Reporter abbiamo deciso di regalarvi, ogni settimana, la ricetta di un piatto tipico della tradizione foggiana grazie al supporto di Metti Tavola.

Riscoprire i prodotti e le eccellenze della tradizione culinaria della nostra terra ci ha sempre affascinato e abbiamo decido di condividere con voi gli scatti social di Metti Tavola con i gustosi piatti foggiani collocati negli scorci più suggestivi della nostra città.

Pane e pomodoro: la cena preferita dai foggiani

Il pane pugliese è croccante e tanto profumato, si tratta della classica pagnotta che si puà preparare tranquillamente anche a casa. L’odore del pane caldo appena sfornato è magico ed è sicuramente uno dei profumi più invitanti ai quali difficilmente si riesce a resistere.

In molte ricette foggiane il protagonista è proprio il pane, si pensi alla tradizionale ricetta del pancotto o alla più semplice, genuina e dal gusto retrò di pane e olio, la merenda preferita dai bambini foggiani cresciuti negli anni ’60 e ’70. Il pane è poi il re indiscusso di un’altra ricetta, sempre molto semplice ma tanto gustosa: pane e pomodoro, simile alla classica e saporita acquasale.

Per preparare pane e pomodoro servono pochi ingredienti: una pagnotta di pane da tagliare a fette, pomodori da strofinare sulle fettine, un pizzico di sale e dell’olio extravergine di oliva pugliese. Se preferite potete fare abbrustolire leggermente le fettine di pane nel forno e finire di condirlo con una leggera e profumata spolverata di origano.

Pane e pomodoro è un piatto veloce e gustoso, senza cottura, con ingredienti sani e genuini del nostro territorio, perfetto per una cena o per un pranzo leggero e salutare. Se amate divertirvi in cucina potete creare sempre nuove varianti con le vostre gustose fettine di pane e pomodoro.

Potete aggiungere, ad esempio, dei filetti di acciughe, della cipolla rossa tagliata a strisce sottili, sostituire i classici pomodori rossi con i datterini gialli o strofinare le fettine di pane con l’aglio così da conferire al vostro piatto un odore e un sapore più deciso.

Tra tavola e cultura: l’idea di Metti Tavola con “Foggia è buona”

Tra i piatti della tradizione foggiana condivisi sui social da Metti Tavola, lo scatto del pane e pomodoro è sicuramente uno dei più amati dai foggiani merito anche dello straordinario sfondo, il Teatro Umberto Giordano.

“Progettato dall’Ing. Luigi Oberty in stile neoclassico, nel 1828 venne inaugurato il “Real Teatro Ferdinando”, diventato “Teatro Dauno” nel 1860 e infine nel 1928 definitivamente “Teatro Comunale Umberto Giordano”, in onore del compositore foggiano, uno dei più grandi autori nel mondo della lirica di tutti i tempi – si legge nel post condiviso sui social -.

Nel 1944 il teatro subì pesanti danni dovuti ai bombardamenti che colpirono l’intera città e nel 1960, grazie alla ripresa economica, iniziarono i lavori e ricominciò l’attività. Nel 1982 il teatro fu completamente restaurato ma nel 2006, per motivi strutturali, fu chiuso. Nel 2014, il concerto dell’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini, diretta dal grande Riccardo Muti, inaugura finalmente la sua riapertura.

Il teatro a forma di ferro di cavallo, può ospitare oltre 300 spettatori, tra l’elegante platea, i raffinati palchi e il suggestivo loggione che affacciano su di un enorme lampadario di cristallo Da ammirare gli affreschi del foyer raffiguranti personaggi mitologici e la meravigliosa Sala Fedora, che tra statue e stucchi dorati, ospita il pianoforte del maestro e i costumi di scena dell’omonima opera”.

Se volete approfondire la storia del Teatro Giordano vi invitiamo a leggere questo vecchio articolo dedicato al cuore pulsante della cultura foggiana.

 

Annarita Correra

Mi chiamo Annarita Correra, ho 28 anni, sono una giornalista pubblicista, una copywriter, content creator e cantastorie. Credo che la bellezza salverà il mondo e per questo la cerco e la inseguo nella mia terra, la più bella del mondo. L’amore per la letteratura mi ha portato a conseguire la laurea triennale in Lettere Moderne e quella magistrale in Filologia Moderna. Ho collaborato con riviste online culturali, raccontando con interviste e reportage le bellezze pugliesi. La mia avventura con Foggia Reporter é iniziata cinque anni fa. Da due anni curo la linea editoriale del giornale, cercando di raccontare la città e la sua provincia in modo inedito, dando voce e spazio alla cultura e alle nostre radici. Scrivo e creo contenuti digitali, gestisco la pagina Instagram del giornale raccogliendo e raccontando le immagini più belle delle nostra terra.
Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock