Cultura e territorio

Il Pan Drion: il dolce tradizionale del Tavoliere che profuma d'arancia

Foggia – Se a Milano il panettone ha sempre rappresentato il dolce tipico delle festività natalizie e a Verona è da sempre immancabile sulle tavole dei veronesi il classico pandoro, c’è stato un tempo, non molto lontano, in cui anche Foggia ed alcuni paesi della Capitanata potevano vantare il proprio ‘panettone dauno’, il Pan Drion.
Sicuramente, ancora vivo nei ricordi di molti foggiani, sarà presente questo dolce dal sapore deciso ed inconfondibile che veniva acquistato e consumato soprattutto durante il periodo delle festività natalizie, spesso sostituito al più nordico panettone. Non tutte le pasticcerie foggiane, però, producevano questo dolce composto da ingredienti semplici ma saporiti come la mandorla locale, le uova, lo zucchero, l’ essenza di arancia, le gocce di amaretto e la fine copertura al cioccolato; una di queste era sicuramente la Dolciaria Di Filippo che aveva sede al numero 14 di Via IV Novembre, nei pressi di piazza Italia, e nella quale tutti i foggiani si recavano nel periodo natalizio a comperare questo dolce delle feste, immancabile sulle tavole di ogni casa.
Foggia Panettone Dauno
Sede della Dolciaria Di Filippo in Via IV Novembre
 
La ricetta, strettamente segreta, non è mai stata rivelata ma, una formula molto simile, fu riproposta nel ’53 dalla pasticceria Lama che, nel tentativo di rendere ancora più ‘foggiana’ questa squisitezza, coniò il nome di ‘Foggianella’.
Tanti, nella provincia di Foggia, vantano la paternità di questo dolce: da San Severo, già Castrum Drionis, deriverebbe appunto l’origine del nome ‘Pan Drion’, ma un dolce simile è presente anche a Troia con il nome di ‘Troianella’. Per capire però da dove derivi originariamente questo dolce che va ad unirsi alla grande quantità di dolci tipici natalizi foggiani come le cartellate, le mandorle atterrate, i calzoncelli ecc., e di cui purtroppo si è quasi del tutto persa l’ usanza di produrlo, dobbiamo fare un salto nel vicino Abbruzzo.
L’Abruzzo oltre ad essere legato alla Capitanata per la storica transumanza, sicuramente, in tempi antichi, è stato tramite anche di scambi culinari, infatti un dolce che molto si avvicina al nostrano Pan Drion è appunto il più famoso Parrozzo Abbruzzese, molto simile a quello foggiano per ingredienti e per forma. Una delle ultime realtà locali  a produrre questo dolce fino agli anni ‘80 è stata la Pasticceria SottoZero, dopodiché, nel capoluogo Dauno, come molte altre tradizioni, purtroppo anche questa è andata quasi completamente perduta.
Non resta quindi che sperare, in un ritorno ormai sempre più romantico delle tradizioni, che qualche realtà locale  riporti in vita questa antica ricetta (in altre località come San Severo è facile trovarlo in alcune pasticcerie) in modo tale che, anche le nuove generazioni, possano riassaporare il connubio perfetto di questo dolce tutto foggiano.
A cura di Gianluca Vivoli

Redazione

Foggiareporter.it è il quotidiano online della Provincia di Foggia. Cronaca, eventi, politica e sport dalla Capitanata. Leggi tutti i nostri articoli.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock