Cultura e territorio

Scaldatelli, alla scoperta delle ricette foggiane con Metti Tavola

Foggia – Continua il nostro viaggio alla scoperta di alcuni piatti tipici della tradizione foggiana in collaborazione con i due foggiani di Metti Tavola e il loro gustoso progetto “Foggia è buona“. Metti tavola è il format attivo da due anni e mezzo su Facebook (www.facebook.com/mettitavola/) e Instagram (@metti_tavola) con cui moglie e marito, Donatella e Antonio, realizzano e recensiscono ricette da leccarsi i baffi. Ma non solo. I due foggiani, con i loro scatti e le loro ricette, cercano di promuovere Foggia e la sua provincia. Oggi riprendendo un loro post vi parliamo dei gustosi scaldatelli.

Da amanti delle tradizioni e della buona cucina casereccia, noi di Foggia Reporter abbiamo deciso di regalarvi, ogni settimana, la ricetta di un piatto tipico della tradizione foggiana grazie al supporto di Metti Tavola.

Riscoprire i prodotti e le eccellenze della tradizione culinaria della nostra terra ci ha sempre affascinato e abbiamo decido di condividere con voi gli scatti social di Metti Tavola con i gustosi piatti foggiani collocati negli scorci più suggestivi della nostra città.

Scaldatelli: lo snack preferito dai foggiani

Sulle tavole pugliesi non è apertitivo senza i deliziosi taralli croccanti da stuzzicare tra un bicchiere di vino e una risata in compagnia.

I taralli pugliesi sono una delle ricette tipiche della nostra regione, una ricetta che profuma delle mani delle nostre nonne, dei ricordi e delle tradizioni della nostra terra riunita in pochi ma essenziali ingredienti: olio, vino e farina. Gli scaldatelli possono essere preparati in casa con pochi e semplici ingredienti.

“La storia narra che furono inventati da una contadina che cucinò questi cerchietti di pasta in acqua bollente, da qui il nome, in dialetto, di “scavëdatíllë”. Il risultato fu deludente, perciò provò ad essiccarli e infine a cuocerli in forno, scoprendo così la stuzzicante consistenza friabile e leggermente croccante – scrivono i due foggiani di Metti Tavola nel loro post Facebook dedicato allo snack preferito dai foggiani -.

E sempre dalla tradizione contadina arriva il proverbio “finire a tarallucci e vino”. Era consuetudine offrirli agli ospiti come segno di cordialità e amicizia… ecco perché oggi questa frase viene usata per indicare che un litigio o un disaccordo si è concluso serenamente, senza problemi.

Classici sono buonissimi ma gli scaldatelli possono essere aromatizzati con tantissimi ingredienti in base ai nostri gusti. Possiamo utilizzare la cipolla, le olive, i semi di finocchio, il sesamo, il pepe nero, il peperoncino, la paprika, i pomodori secchi e molto altro per dare un tono deciso ai nostri taralli. Se volete prepararli a casa vi consigliamo di dare un’occhiata a questo articolo. Buon appetito!

Annarita Correra

Mi chiamo Annarita Correra, ho 28 anni, sono una giornalista pubblicista, una copywriter, content creator e cantastorie. Credo che la bellezza salverà il mondo e per questo la cerco e la inseguo nella mia terra, la più bella del mondo. L’amore per la letteratura mi ha portato a conseguire la laurea triennale in Lettere Moderne e quella magistrale in Filologia Moderna. Ho collaborato con riviste online culturali, raccontando con interviste e reportage le bellezze pugliesi. La mia avventura con Foggia Reporter é iniziata cinque anni fa. Da due anni curo la linea editoriale del giornale, cercando di raccontare la città e la sua provincia in modo inedito, dando voce e spazio alla cultura e alle nostre radici. Scrivo e creo contenuti digitali, gestisco la pagina Instagram del giornale raccogliendo e raccontando le immagini più belle delle nostra terra.
Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock