Rignano Garganico, l’affaccio dal Gargano

A Rignano Garganico, il paese affacciato sulla pianura di Capitanata, la ...

Foggia Reporter

Benvenuti alla quindicesima puntata di Viaggiando s’impara

A Rignano Garganico, il paese affacciato sulla pianura di Capitanata, la vita si anima con storie e misteri.

Benvenuti alla quindicesima puntata di Viaggiando s’impara

Foto Massaria 750x500
Presepe Vivente di Rignano Garganico

Rignane, rigne quante vue, che ij’ngoppe nun c’inghiane ed effettivamente Ferdinando IV di Borbone non salì mai lassù a Rignano Garganico. Eppure lì la vita è sempre stata brulicante. Tutti vi passarono da Normanni a Turchi, da crociati a mendicanti. Non fosse che magari il re ve ne fu spaventato per misteriosi riti della cittadina? Rignano Garganico ha un popolo amante della sue terra, attivo nella tradizione e nella cultura popolare. Cantori e pastori raccontano leggende, storie di ombre invisibili della Processione dei Morti, che chi la vede, muore!

Vero o no che sia, una spiegazione c’è: il forte nesso con gli usi e i costumi funebri del Paleolitico di Paglicci, insediato tra dirupi rocciosi a riparo dai venti, al sicuro della sua Grotta, oggi situata sull’affaccio più panoramico del Gargano dove la pianura s’inclina e diventa rocciosa.

 

283484852 821a999a4f B
Caciocavallo Podolico

Una location abitata da contadini e zampognari che ben volentieri si prestano a rendere accogliente e gustoso questo lato “nascosto” del Gargano, quello non marittimo, non balneare, ma immensamente naturale. Pascoli di mucche podoliche, la cui origine austriaca oggi sprigiona autenticità pugliese grazie al nutrimento di erbe odorose che, insieme alla pregiata lavorazione artigianale e ai luoghi di stagionatura, impreziosiscono il profumo e il gusto dei caciocavalli, il formaggio nobile del Gargano.

Ed è proprio in questo che la cittadina radica la sua cultura e rispetta le aspettative dei turisti, soprattutto durante le festività. Dalle case fuoriesce odore di muciska, carne ovina ricca di ferro e proteine, mentre tessitrici, fabbri e mugnai si riversano per le strade per animare il presepe del Natale lungo la via che va dal torre medievale e il Palazzo Baronale. Altrimenti a Pasqua, le donne di casa non esiteranno a preparare in tutta fretta la squarcedda prima che il lenzuolo bianco ricopra la facciata della Cattedrale.

In così tanto credo religioso, perfino San Rocco decise di stanziarvisi per prima tra le varie città del Sud. Sarà per San Michele? Per l’epidemia che colpi il paese durante il Medioevo? Di sicuro il patrono salvò Rignano Garganico anche dai bombardamenti durante i primi anni del ‘900.

 

Leggi anche: “XX edizione del Presepe Vivente di Rignano Garganico”

 

Fonte: Gargano.it