Politica

Raccolta differenziata, Angiola: assessora Aprile appiattita su scelte dei Commissari

«Siamo contenti che l’assessora Aprile abbia dichiarato la volontà di riorganizzare radicalmente il servizio della raccolta differenziata a Foggia. A noi piacciono le persone animate da buoni intenti. Ma spiace che la assessora Aprile in vista della imminente presentazione in consiglio comunale del bilancio e delle linee programmatiche non abbia dimostrato alcuna capacità innovativa al riguardo. Infatti, finora ha semplicemente parlato di porta a porta per le sole utenze “non domestiche”. Così è accaduto nel corso della audizione in commissione “AA.GG. ed Economia” di venerdì 12 gennaio, quando confermava che il modello di raccolta differenziata era quello della raccolta di “prossimità” (parola nefasta usata dai commissari che hanno inteso la raccolta differenziata in città come raccolta basata sui “cassonetti intelligenti”) e del porta a porta per le utenze non domestiche». Così ha dichiarato il consigliere Nunzio Angiola.

Angiola ha aggiunto che «Negli stessi termini, ossia del porta a porta per le sole utenze non domestiche, si era espresso il presidente di Amiu Paolo Pate, nel corso della conferenza stampa del 27 dicembre in cui è stata annunciata la stabilizzazione di 21 persone. E qui siamo al paradosso visto che AMIU Puglia interpreta alla lettera il detto evangelico “la mano sinistra non sappia quel che fa la destra”. A Bari, infatti, il porta a porta per le utenze domestiche sta rapidamente raggiungendo il 60% del territorio cittadino. A Foggia zero oggi e zero in prospettiva».

“Veda Assessora Aprile occorre coraggio e lei si sta appiattendo su quanto deciso dalla commissione straordinaria e quanto deciso per noi foggiani dall’AMIU, ossia sui cassonetti intelligenti e il porta a porta per le utenze non domestiche. I cassonetti intelligenti non funzionano, in diverse città italiane li stanno eliminando! Attinga a piene mani al programma #Foggiapiù con #angiolasindaco. In politica copiare è un pregio, quando si ha a cuore il bene della città», ha concluso il consigliere Angiola.

Vincenzo D'Errico

Giornalista professionista e scrittore, impegnato a lungo nell’emittenza locale, collaboratore del quotidiano L’Edicola del Sud, direttore della Rivista Filosofia dei Diritti Umani / Philosophy of Human Rights.

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio