Al Piccolo Teatro di Foggia in scena “‘U pittore, ‘a diavola e l’acqua sante” e “Carcere a vita”

Si avvia alla conclusione la XX stagione del Piccolo Teatro di Foggia che ...

Foggia Reporter

Si avvia alla conclusione la XX stagione del Piccolo Teatro di Foggia che riserva per gli ultimi giorni d’aprile due spettacoli al suo pubblico, che ha premiato numeroso un cartellone 2016 denso di novità e collaborazioni.

Si inizia sabato 23 aprile – e replica la domenica seguente – alle ore 20,30 (sipario 21,00)  con il debutto dell’ultima produzione della compagnia Palcoscenico, intitolata  ‘U pittore, ‘a diavola e l’acqua sante. Una nuova commedia scritta da Pasquale Mongiello per la regia Dino La Cecilia, che sarà in programma ogni sabato e domenica fino al prossimo 15 maggio.

Si tratta di una commedia brillante, nel classico stile del Piccolo Teatro, ambientata nella Foggia degli inizi del ‘900. Protagonista è Alberto, un pittore spiantato (interpretato da Dino La Cecilia) conteso dalla cantante lirica  Lucietta (Francesca D’Elia),  la sua amante,   e Viviana (Enza di Nuzzo) a cui l’artista è vincolato per una promessa ufficiale di matrimonio.

Da questo intrigante triangolo, composto  appunto da U pittore, ‘a diavola e l’acqua sante, prendono il via tutta una serie di esilaranti vicende, condite da colpi di scena ed equivoci, animate dal vorticoso intreccio dei tre con gli altri personaggi:   la  burbera sorella di Lucietta, Marcella (Carmen Garofalo), il pianista De Carlo (Giuseppe Mauriello), lo stranissimo maggiordomo Filippo (Angelo Fulchini) e il giornalista Fortunato (Fabio Conticelli) Valeria (Piera Di Girolamo), l’ipocrita madre di Viviana ricca ipocrita Borghese, l’ingenua cameriera Rosa (Sarah Panessa il generale Calogero (Lucio Vinella) e lo scrittore di canzonette Bastiano (Lorenzo Morra). Come sempre, è disponibile il servizio Mini Club (al raggiungimento del numero minimo di richieste) riservato ai genitori che intendono godersi in tutta serenità lo spettacolo.

Appuntamento, invece, venerdì 29 e 30 aprile, rigorosamente a mezzanotte (sipario alle 00:30) con la rassegna Il Teatro Di Mezzanotte,  realizzata dal Piccolo Teatro in collaborazione con la compagnia Espressioni contemporanee del regista, drammaturgo e attore Alfredo Vasco.

L’iniziativa è quanto mai esclusiva, visto che in Puglia gli spettacoli in notturna sono proposti solo dal Teatro Duse di Bari e ora, a Foggia, dallo storico spazio di Via Delli Carri, 5. In scena l’opera scritta, diretta e interpretata dallo stesso Vasco, intitolata Carcere a vita, intessuta sulle visioni oniriche, i ricordi allucinatori e le riflessioni intime di un ergastolano che, dietro le sbarre di un carcere, ripensa alla sua vita.

«Viene fuori – spiega il regista – un affresco della società contemporanea spietato. Dove alle occasioni che la vita ti offre si sovrappongono, spietati, i fallimenti. Dove la forza per andare avanti è un’energia quasi estinta. Dove il dolore e le lacrime soffocano la crudeltà dei gesti. Si parla di sesso. Di rapine. Di omicidi. Di amicizie sbagliate. Di ricordi d’infanzia. Di amore. Dell’amore infinito per un figlio appena accarezzato. Di solitudine».

Al termine dello spettacolo a tutti coloro che parteciperanno allo spettacolo sarà offerto cornetto e cappuccino. L’ingresso è riservato ai soli soci: per informazioni rivolgersi alla segreteria o contattare lo 0881.72 34 54.