Cultura e territorio

Nel 1806 Foggia diventa Capoluogo della Capitanata

Il 1806 fu un anno molto particolare e importante per la città di Foggia, in questo anno, infatti, la città accolse Giuseppe Bonaparte, fratello maggiore del noto Napoleone Bonaparte, e venne eretta a Capoluogo della Capitanata.

Più precisamente, l’8 maggio 1806, Giuseppe Bonaparte, re di Napoli dal 1806 al 1808 e re di Spagna dal 1808 al 1813, fece visita alla città di Foggia. In quell’occasione la città si vestì a festa. “Al largo del Palazzo si è innalzato verso le ore 23 un pallone ariostatico, che felicemente ha avuto la sua riuscita“, scriveva Carlo Maria Villani nel Giornale Patrio.

Lo stesso anno la città di Foggia divenne Capoluogo della Capitanata. Successivamente, nel 1811, la provincia di Foggia venne suddivisa in tre distretti; quello di Foggia comprendente 11 circondari e 18 comuni, quello di San Severo con 12 circondari e 26 comuni (incluse le meravigliose Isole Tremiti), e infine quello di Bovino con 9 circondari e 21 comuni.

In quegli anni, la città di Foggia, oltre ad essere sede dell’Intendenza vide l’istituzione del Tribunale del Commercio. Tra le varie innovazioni del tempo vi fu la fondazione di una tipografia, come previsto in ogni capoluogo di provincia.

La tipografia entrò ufficialmente in funzione nel 1807, e permise la nascita di importanti riviste per l’epoca, quali Il Poligrafo, Il Giornale Fisico-Agrario della Capitanata e il Giornale degli Atti della Reale Società Economica di Capitanata.

Per quanto riguarda l’espansione del centro urbano, a partire dal 1806, si assistette all’ampliamento della zona posta tra gli stradoni San Francesco Saverio e S. Antonio Abate, zona all’interno della quale prese vita il cosiddetto Borgo Scopari.

Il 1806, come abbiamo detto, fu anno molto particolare per la città di Foggia, segnò, infatti, l’abolizione della Dogana della mena delle pecore, importante istituzione aragonese per la Capitanata e non solo.

la Dogana fu soppressa durante l’occupazione francese del Regno di Napoli con una legge promulgata da Giuseppe Bonaparte il 21 maggio 1806.

La legge prevedeva il progressivo passaggio ad una destinazione prevalentemente agricola dell’ampio territorio del Tavoliere.

A Foggia è ancora visibile l’originaria sede della Regia Dogana in Piazza Federico II, angolo Via Arpi, trasferitasi poi, dopo il terribile terremoto del 1731, nella nuova sede in piazza XX Settembre.

Fonti: “Storia di Foggia” di Leonardo Scopece – Wikipedia

Redazione

Foggiareporter.it è il quotidiano online della Provincia di Foggia. Cronaca, eventi, politica e sport dalla Capitanata. Leggi tutti i nostri articoli.

Articoli correlati

Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock