Attualità

Lampioni da giardino, la scelta del led può davvero salvare l’ambiente?

Risparmiare energia andando incontro a quel concetto oggi ampiamente diffuso di sostenibilità, vale a dire l’uso intelligente delle risorse presenti in natura, in modo tale da soddisfare le esigenze del presente senza compromettere la capacità delle generazioni future di soddisfare le proprie, è un concetto ormai noto e facilmente raggiungibile.
Un qualcosa che ha a che fare con esigenze etiche e che trova concreta attuazione poi nella vita di tutti i giorni, a partire dalle scelte che chiunque effettua come consumatore.

Uno degli esempi più tangibili di questo argomento è la scelta dell’illuminazione della propria abitazione, dalle semplici lampadine in casa ai lampioni da giardino, che oggi può essere inquadrata all’interno di un percorso virtuoso teso a migliorare l’efficienza energetica.

Si tratta di un aspetto che riguarda tanto gli spazi interni quanto quelli esterni della propria abitazione, dunque, e che negli ultimi anni è stato toccato da innovazioni di una certa rilevanza.

La tecnologia a Led

Su tutte le invenzioni che hanno portato l’uomo a risparmiare sull’energia e rispettare l’ambiente, l’avvento sul mercato delle luci a Led è quella più rinomata ed acclamata. Questa è considerata una scelta virtuosa, che viene sempre più praticata per abitazioni uffici, negozi e locali di varia natura tanto negli spazi interni quanto in quelli esterni.

Il risparmio che il Led garantisce si evince in tutti quei comparti che richiedono illuminazione in modo costante, anche per diverse ore, come tutta la sfera dei locali commerciali o come l’illuminazione esterna: in questo senso è cresciuto in modo deciso il ricorso ai lampioni da giardino a Led per case e abitazioni private, oltre che nelle strade pubbliche delle nostre città.


Ciò in considerazione del fatto che i lampioni a Led sono molto più efficienti dal punto di vista energetico rispetto ai lampioni a incandescenza o ai lampioni a fluorescenti compatti (CFL).

Questo significa che consumano meno energia per produrre la stessa quantità di luce. Inoltre, è possibile combinare l’efficienza del Led con la praticità della luce del sole, sfruttando i lampioni ad energia solare. In questo modo, l’impatto sul consumo energetico sarà pari allo 0.

L’uso privato e pubblico dei lampioni a Led

È importante ricordare che la tecnologia a Led consente di ridurre i consumi fino al 90% rispetto alle tradizionali luci a incandescenza. Ciò significa che può aiutare a ridurre le emissioni di gas serra e i costi energetici in modo deciso.

Inoltre, le luci a Led hanno una durata molto più lunga rispetto a quelle a incandescenza o a Cfl, di conseguenza devono essere sostituiti meno frequentemente, il che riduce ulteriormente l’impatto ambientale.
Tornando all’esempio dei lampioni a Led, come si diceva, questi possono essere utilizzati per tantissimi scopi tanto nel settore privato (case, abitazioni, uffici, negozi ecc…) quanto in quello pubblico (principalmente, illuminazione strade, parchi e aree pubbliche). Il tutto sempre andando a ridurre il consumo energetico e le emissioni di gas serra, fattore che lascia prediligere il ricorso alla tecnologia del Led rispetto a quelle tradizionali.

Perché il led è la scelta giusta in ottica sostenibilità


La scelta di lampioni da giardino, o in generale da esterni, che funzionino con tecnologie a led, si è rivelata quindi essere un modo semplice e conveniente per ottimizzare i risparmi e salvare l’ambiente. Questo genere di lampione può quindi essere, concretamente, la scelta giusta in ottica sostenibile per contribuire alla salvaguardia dell’ambiente, garantendo una riduzione del 90% dei consumi a fronte di un ciclo di vita maggiore.
A questo si può aggiungere il fatto che i Led non contengono sostanze chimiche nocive come il mercurio, che si trova nelle lampadine fluorescenti compatte, motivo per il quale risultano maggiormente semplici da smaltire e riciclare.

Il loro ricorso costante può quindi aiutare a ridurre le emissioni di gas serra, i costi energetici e l’inquinamento.

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio