Salute e Benessere

La solitudine aumenta il rischio di demenza del 40%

La solitudine? Aumenta il rischio di demenza del 40%. Non solo per il morbo di Alzheimer, ma anche per la demenza quindi, la solitudine è assolutamente da evitare. La conferma arriva da uno studio senza precedenti per dimensioni e durata, condotto da esperti e scienziati della Florida State University (FSU) a Tallahassee coinvolgendo 12.030 individui arruolati nell’ambito del “Health and Retirement Study”, tutte persone dai 50 anni in su.

Gli esperti hanno ‘misurato’ la solitudine e l’isolamento sociale di ciascun partecipante all’inizio dello studio e poi ogni due anni hanno sottoposto l’intero campione a test di valutazione delle abilità cognitive, per un periodo di tempo medio di 10 anni. Al termine dell’indagine ad oltre 1.100 partecipanti è stata diagnosticata la demenza.

Incrociando tutti i dati è emersa chiaramente la stretta correlazione con la solitudine per molte delle persone esaminate. Ebbene da questo studio è emerso che il sentirsi soli, una condizione diversa dall’isolamento sociale in senso stretto, si associa a un rischio di demenza del 40% maggiore nell’arco di 10 anni.

I risultati e i dettagli della ricerca sono stati resi noti su The Journals of Gerontology: Series B.

Fonte: Ansa

Annarita Correra

Mi chiamo Annarita Correra, ho 27 anni e amo raccontare storie. Credo che la bellezza salverà il mondo e per questo la cerco e la inseguo nella mia terra, la più bella del mondo. L’amore per la letteratura mi ha portato a conseguire la laurea triennale in Lettere Moderne e quella magistrale in Filologia Moderna. Ho collaborato con riviste online culturali, raccontando con interviste e reportage le bellezze pugliesi. La mia avventura con Foggia Reporter é iniziata cinque anni fa. Da un anno curo la linea editoriale del giornale, cercando di raccontare la città e la sua provincia in modo inedito, dando voce e spazio alla cultura e alle nostre radici. Mi occupo di web editor e creo contenuti digitali, gestisco la pagina Instagram del giornale raccogliendo e raccontando le immagini più belle delle nostra terra.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock