Cultura e territorio

La Cupola di Gesù e Maria: un gioiello barocco tutto da scoprire

Foggia – La domanda che spesso ricorre tra i foggiani è: Foggia è una città bella o brutta? Le risposte possono essere molteplici e spesso dipendono dal nostro modo di vedere e saper fruire della bellezza che ci circonda. E’ innegabiIe però che i foggiani sono così poco abituati a vedere il bello della propria città che spesso dimenticano o, peggio ancora, non sono neanche a conoscenza dell’ esistenza di innumerevoli opere artistiche di cui è pregna Foggia. Una di queste è sicuramente la cupola affrescata della chiesa di Gesù e Maria, nella centralissima Piazza Umberto Giordano.
Quanti foggiani si sono sempre limitati a transitarvi davanti, solo affacciandosi fugacemente, spesso indaffarati e presi dal tran tran quotidiano? E quanti la domenica si recano all’ interno del tempio sacro per la consueta messa, senza quasi mai alzare lo sguardo?
La chiesa di Gesù e Maria è un vero e proprio scrigno di opere d’arte che racchiude al suo interno tele del ‘600, sontuosi altari barocchi e pregevoli statue in legno ma, se volgiamo lo sguardo verso l’ alto, all’incrocio tra navata centrale e il transetto possiamo scorgere quello che è sicuramente l’unico esempio presente a Foggia di cupola affrescata, una di quelle attrazioni che, quando si è in visita in altre città, noi foggiani, amiamo guardare e ammirare nei minimi particolari e che invece, nella nostra di città, non sappiamo neanche che esista o dove si trovi.

La cupola di Gesù e Maria, una meraviglia artistica tutta foggiana

Lo scopo di questo articolo è proprio quello di invogliare il lettore ad entrare nella suddetta chiesa ed a recarsi sotto la cupola che andremo a descrivere. Lo spettatore intento ad alzare lo sguardo verso l’ alto verrà attirato da un turbinio di figure sacre tra cui spiccano, su sfondo dorato, Gesù e Maria (a cui appunto è dedicato il tempio), che, appoggiate su soffici nuvole bianche, creano un vortice che converge nell’ apertura centrale della lanterna.
Personaggi francescani  si alternano a putti e figure bibliche coperte da morbidi drappeggi che spaziano dall’ azzurro, al viola e all’ arancione e che ne enfatizzano la sacralità donando all’ affresco quella ricchezza di colori e di decori tipica del tardobarocco settecentesco. Il tamburo che regge la cupola è sapientemente decorato con un minuzioso ‘trompe-l’oeil’ che riproduce elementi architettonici e busti di personaggi biblici, circondati da eleganti fregi dorati, interrotto dalle quattro aperture ospitanti i finestroni.

Affresco Chiesa Gesù E Maria
Particolari dell’ affresco. Fonte: LaRa Restauri
Affresco Gesù E Maria
Particolari dell’ affresco. Fonte: LaRa Restauri
Affresco Chiesa Gesù E Maria3
Particolari dell’ affresco. Fonte: LaRa Restauri
Nei pennacchi sottostanti i quattro Evangelisti sono rappresentati, con dovizia di particolari, circondati da teneri putti su di uno sfondo che riproduce un cielo azzurro contornato da bianche nuvole. L’ affresco è opera del pittore L. Nersotti a cui fu appunto affidato il compito di decorare la cupola nel 1754 e che, nel novecento, fu ritoccato dal pittore S. Fortuna. Gli attenti lavori di restauro dell’ ultimo decennio hanno ridato vita agli accesi colori ormai sbiaditi dal tempo ed una illuminazione studiata ne enfatizza la bellezza ed i particolari.
Non resta quindi che recarsi ad ammirare questa piccola meraviglia artistica tutta foggiana e cogliere l’ occasione per alzare un po’ di più lo sguardo e soprattutto abituarsi ed apprezzare di più il bello che ci circonda, prima di andarlo a cercare altrove.
Cupola Chiesa Gesù E Maria
La Cupola (Foto di Marianna de Mita)
A cura di Gianluca Vivoli

Redazione

Foggiareporter.it è il quotidiano online della Provincia di Foggia. Cronaca, eventi, politica e sport dalla Capitanata. Leggi tutti i nostri articoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock