Cronaca

Foggia, manifesti funebri ricordano il testimone di giustizia Mario Nero scomparso a gennaio

Foggia Mario Nero testimoniò 29 anni fa contro l’assassino dell’imprenditore foggiano Giovanni Panunzio, ucciso per essersi ribellato alla mafia foggiana. Nessuna agenzia funebre avrebbe voluto realizzare un manifesto in ricordo di Mario Nero scomparso lo scorso gennaio. Così, alcuni foggiani, hanno pensato di rimediare creando un manifesto funebre per omaggiare il ricordo del testimone di giustizia scomparso prematuramente per un malore improvviso.

Questa la denuncia di Giovanna Belluna, nuora di Giovanni Panunzio, assassinato il 6 novembre del 1992 riportata dall’Ansa e da altre testate. Mario Nero è stato il primo e uno dei pochi testimoni di giustizia. Grazie alla sua testimonianza nel processo Panunzio negli anni ’90, vennero emesse le prime condanne di mafia nei confronti degli esponenti della criminalità locale.

“Un uomo che ha avuto il coraggio di non voltare lo sguardo altrove e di collaborare con le forze di polizia e con la magistratura al fine di individuare gli assassini di Giovanni Panunzio, ammazzato dalla mafia il 6 novembre 1992 per essersi rifiutato di pagare il pizzo. A Mario Nero la città di Foggia esprime rispetto e gratitudine. Che possa riposare in pace”. Questo era stato il commento del sindaco di Foggia Franco Landella alla notizia della scomparsa del testimone di giudizia lo scorso gennaio.

In questi giorni la città di Foggia è rimbalzata agli onori della cronaca la storia dei manifesti funebri negati a Mario Nero, primo testimone di giustizia in Capitanata. Belluna e suo marito Michele, il figlio di Giovanni Panunzio, hanno deciso di creare un manifesto funebre in memoria di Mario Nero e affiggerlo in città.

“A seguito di tale denuncia, alcuni gruppi – tra associazioni e liberi cittadini – stanno manifestando la volontà di colmare questa lacuna in memoria di Nero. Il primo (nella foto in basso) è stato già affisso: “I cittadini onesti di Foggia piangono la morte di Mario Nero. Testione di giustizia ed esempio di coraggio”.

A questi cittadini, alle associazioni antimafia locali, agli imprenditori onesti, da foggiano in prima fila per la legalità voglio dire grazie, e lo faccio qui pubblicamente. Onoriamo sempre la memoria di chi ha avuto coraggio”. Questo il commento dell’europarlamentare foggiano del M5S Mario Furore.

E ancora: “Non gli hanno voluto dare memoria, tre agenzie funebri non hanno voluto fare il suo manifesto. (Chissà come mai mi chiedo io) Mario Nero non meritava questo e noi non dobbiamo smettere di parlarne, dobbiamo essere noi la sua memoria, basta omertà”.

Redazione

Foggiareporter.it è il quotidiano online della Provincia di Foggia. Cronaca, eventi, politica e sport dalla Capitanata. Leggi tutti i nostri articoli.
Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock