Cultura e territorio

Foggia, 13 agosto 1062: in un pantano viene trovato il Sacro Tavolo della Madonna dei Sette Veli

Foggia – Il 13 Agosto 1062, in un pantano nel cuore di Foggia, avvenne il ritrovamento di una tavola in legno raffigurante la Madonna dei Sette Veli.

Nel lontano 1062 Foggia era un piccolo borgo circondato da campagne e il suo centro abitato si sviluppava intorno ad una taverna, la famosa taverna del gufo, che sorgeva lì dove oggi si trova la Chiesa di San Tommaso (la chiesa più antica di Foggia, oggi purtroppo abbandonata a se stessa).

Alcuni pastori che conducevano i buoi ad abbeverarsi nel pantano, improvvisamente sull’acqua videro delle fiammelle. Incuriositi, rinvennero sepolta nella melma del piccolo pantano, un’ icona avvolta in sette veli con l’immagine della Vergine assunta in cielo.

A quel punto, i pastori rivestirono l’immagine sacra di nuovi e puliti veli e la portarono nella vicina taverna del gufo che ben presto, da quel momento, diventò il centro religioso del piccolo borgo foggiano.

Nel 1080 Roberto il Guiscardo volle che nel luogo del ritrovamento del Sacro Tavolo fosse eretta una Chiesa. La Chiesa fu ampliata e sistemata lungo l’arco dei secoli e passò sotto ogni dominazione: dai Normanni agli Svevi, dagli Angioini agli Aragonesi, dagli Spagnoli ai Borboni.

Il 20 marzo 1731 la Chiesa Collegiata fu distrutta da un violento terremoto che rase al suolo un terzo della città che all’epoca, per numero di popolazione, era la seconda città del regno dopo Napoli.

La sera del 20 marzo 1731 il Sacerdote don Giovanni Todesco attraversò le rovine della Collegiata ed entrò nella Cappella di Maria SS dell’Iconavetere staccando dalla nicchia il Sacro Tavolo portandolo nel Convento dei Cappuccini situato dove oggi sorge il Parco dell’Iconavetere.

Fu in questa Chiesa, ormai andata distrutta, che si verificarono le prime apparizioni della Madonna al popolo foggiano. In un secondo momento il Sacro Tavolo fu spostato nella Chiesa di San Giovanni Battista dove l’immagine della Madonna continuò ad apparire anche ai numerosi forestieri, tra cui San Alfonso dei Liguori.

Il 22 marzo, anniversario della prima apparizione della Madonna, l’arcivescovo presiede una solenne celebrazione eucaristica, cui assistono le autorità civili. Pochi giorni dopo la festa, il Sacro Tavolo viene riposto nella sua cappella.

La seconda celebrazione, invece, si svolge dal 13 al 16 agosto. In questa occasione si vuole ricordare il rinvenimento dell’Iconavetere. La festa incomincia il 13 agosto con una processione durante la quale la Madonna, avvolta in un lenzuolo bianco, è sorretta dai sacerdoti.

Nel pomeriggio del 14 agosto, dal duomo foggiano, si avvia la tradizionale processione dell’Iconavetere e il 15 agosto, con una solenne celebrazione religiosa, si continuano i festeggiamenti patronali in tutta la città.

Fonte: Il Mattino di Foggia di Antonio Blasotta – Wikipedia

Redazione

Foggiareporter.it è il quotidiano online della Provincia di Foggia. Cronaca, eventi, politica e sport dalla Capitanata. Leggi tutti i nostri articoli.

Articoli correlati

Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock