Settembre: è tempo di grandi scorpacciate di fichi d’India

Ecco tutte le proprietà di questi deliziosi frutti

Foggia Reporter

Tra la frutta di stagione di settembre non possiamo non parlare dei gustosi fichi d’India, ricchi di proprietà e benefici per il nostro organismo.

Il fico d’India (Opuntia ficus-indica) è una pianta originaria del Messico. Da qui, nell’antichità, si diffuse tra le popolazioni del Centro America che la coltivavano già ai tempi degli Aztechi.

Il fico d’India era venerata e considerata una pianta sacra. La pianta di questo particolare e delizioso frutto arrivò in Europa intorno al 1493, quandò tornò a Lisbona la spedizione di Cristoforo Colombo e si diffuse poi rapidamente in tutto il bacino del Mediterraneo.

Nel nostro territorio la pianta del fico d’India si è naturalizzata al punto di diventare un elemento caratteristico del meraviglioso paesaggio del Mediterraneo.

Proprietà dei fichi d’India

Questo frutto è una miniera di proprietà. Questo frutto è costituito da una polpa succosa e carnosa molto ricca di acqua, zuccheri, vitamine e sostanze minerali e nella quale si trovano numerosi semini.

Inoltre, i fichi d’India, sono molto utili per assimilare meno grassi e zuccheri in quanto tengono sotto controllo glicemia e sovrappeso. La presenza di fibre aiuta la peristalsi intestinale, contrastando il problema della stitichezza.

Chi consuma regolarmente questi frutti, infatti, nota un netto miglioramento delle proprie funzioni intestinali.

Infine questi frutti favoriscono la diuresi, riducono, infatti, il rischio di calcoli renali e in alcuni casi favoriscono l’eliminazione di quelli già presenti.

Va sottolineato anche che i fichi d’India sono frutti poco calorici, 100 grammi di questo frutto apportano al nostro organismo solo circa 55 calorie.

Fonte: greenme.it