Ezio Giannatempo, direttore provinciale Inac

Disoccupazione agricola, nelle sedi CIA di Capitanata l’assistenza Inac

Il 31 marzo scade il termine per richiedere l'indennità di disoccupazione ...

Foggia Reporter

Il 31 marzo scade il termine per presentare le domande per accedere all’indennità di disoccupazione per i lavoratori agricoli. Il patronato Inac, promosso da CIA-Agricoltori italiani, assiste i lavoratori nelle procedure di inoltro telematico all’INPS delle istanze. Contestualmente potrà essere avanzata anche la richiesta dell’ANF (l’assegno al nucleo familiare).

Il sussidio spetta a tutti gli operai agricoli a tempo determinato e operai agricoli a tempo indeterminato che lavorano per parte dell’anno e che abbiano maturato un’anzianità assicurativa nel biennio 2014-2015 pari a un minimo di 102 giornate lavorative, oppure lo stesso numero di giornate nel solo anno precedente alla domanda e un contributo, anche soltanto uno, nell’arco di tutta la vita lavorativa. Hanno diritto a percepire la disoccupazione agricola anche i lavoratori stranieri con permesso di soggiorno per lavoro stagionale. L’accesso è subordinato alla presenza negli elenchi nominativi dei lavoratori agricoli che saranno pubblicati sul sito dell’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale dal 31 marzo al 15 aprile.

“Invito tutti coloro che pensano di possedere questi requisiti a rivolgersi alle sedi Inac presenti in tutti i presidi sindacali della Confederazione Italiana Agricoltori di Foggia e provincia – è l’appello di Ezio Giannatempo, direttore provinciale Inac – Li aiuteremo ad inoltrare la domanda. Basteranno quindici minuti. Inoltre, le aziende associate che proporranno ai lavoratori di rivolgersi ai nostri uffici, anche per effettuare uno screening completo della posizione assicurativa, beneficeranno di particolari agevolazioni”.

I lavoratori agricoli interessati dovranno recarsi al patronato muniti di carta d’identità, codice fiscale, coordinate bancarie e, se si richiede l’ANF, copia delle ultime due dichiarazioni dei redditi (se non presentate presso il Caf-Cia). Per maggiori informazioni è possibile rivolgersi alla sede Cia più vicina.