Cultura e territorio

Ricordate gli Scoubidou? I nodi intrecciati amati dai ragazzini nei primi anni 2000

Tempo fa vi abbiamo parlato della moda di collezionare le intramontabili e colorate schede telefoniche riportandovi nel pieno degli iconici anni ’90. Oggi vogliamo fare un altro salto nel tempo, andiamo agli inizi del 2000 quando tra i ragazzini c’era la moda degli Scoubidou.
Se tra la fine degli anni ’90 e gli inizi del 2000 andavate a scuola non potevate non portare con voi, legati all’astuccio o allo zaino, i famosi nodi intrecciati super colorati. A Foggia i colori più ricercati e diffusi erano sicuramente il rosso e il nero, simboli della nostra squadra di calcio.
Per Scoubidou si intende, infatti, l’arte e il passatempo (prevalentemente giovanile) di intrecciare fili colorati, per ottenerne dei piccoli oggetti, solitamente usati come portachiavi e braccialetti da regalare. Gli scoubidou si realizzano con una continua ripetizione di un nodo tra i fili. A seconda del tipo di nodo che si ripete, essi possono assumere diverse forme, possono essere quadrati, rotondi, piatti, a spirale, a gomitolo, ecc.
I ragazzini passavano pomeriggi interi in ferramente per acquistare i fili dei colori che più amavano per poi correre a casa a realizzare i “preziosi” oggettini da regalare o magari scambiare la mattina seguente tra i banchi di scuola.

Cosa si usava per realizzare uno Scoubidou?

Per creare uno scoubidou si utilizzano essenzialmente due fili colorati o più. la lunghezza dei fili varia a seconda di quanto lungo vogliamo il nostro scoubidou, non ci sono limiti. I fili possono essere di plastica o di gomma con una grandissima varietà di colori. Inoltre per la realizzzazione occorrono un paio di forbici per tagliare i fili e un accendino, utilizzato per bruciare le estremità dei fili.
Per quanto riguarda quest’ultimo passaggio, i ragazzini preferivano farlo fare ai più grandi, così lasciavano ai genitori “l’arduo” compito di completare e rifinire il loro piccolo gioiellino di plastica colorato.
E voi li realizzavate?
Qui trovate i singoli passaggi per realizzare un perfetto Scoubidou stile inizi anni 2000: www.hobbydonna.it
 

Annarita Correra

Mi chiamo Annarita Correra, ho 27 anni e amo raccontare storie. Credo che la bellezza salverà il mondo e per questo la cerco e la inseguo nella mia terra, la più bella del mondo. L’amore per la letteratura mi ha portato a conseguire la laurea triennale in Lettere Moderne e quella magistrale in Filologia Moderna. Ho collaborato con riviste online culturali, raccontando con interviste e reportage le bellezze pugliesi. La mia avventura con Foggia Reporter é iniziata cinque anni fa. Da un anno curo la linea editoriale del giornale, cercando di raccontare la città e la sua provincia in modo inedito, dando voce e spazio alla cultura e alle nostre radici. Mi occupo di web editor e creo contenuti digitali, gestisco la pagina Instagram del giornale raccogliendo e raccontando le immagini più belle delle nostra terra.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock