Rubriche

Quando saranno lanciati i nuovi M2 MacBook?

Se c’è qualcosa a cui Apple ci ha abituato durante la sua storia, è che non si è mai seduta sugli allori. La sua missione, dai tempi di Steve Jobs, è stata sempre quella di procedere avanti in modo incessante per surclassare i suoi concorrenti – ed è precisamente quello che sta facendo anche stavolta con il lancio delle macchine basate sul nuovo processore M2.

M2 contro M1: cosa cambia?

La lotta sui processori è il campo principale di scontro fra le grandi case dell’informatica. Il chip M2 è sostanzialmente simile al suo predecessore: insomma, come dice Apple stessa, un’evoluzione, piuttosto di una rivoluzione. Quindi, stesso numero di core, ma prestazioni migliori, soprattutto nel comparto GPU e Neural Engine, che dovrebbero migliorare di circa il 40%.

Questo dovrebbe favorire le applicazioni che richiedono elaborazioni grafiche intensive, come i software di modellazione, di montaggio video, e i giochi per mac, uno dei settori più interessanti per il futuro e che sta diventando centrale nei programmi di gran parte dei concorrenti della casa della mela.

I vantaggi sono soprattutto nell’efficienza delle prestazioni: la macchina ha bisogno di meno energia per raggiungere gli stessi risultati di prima, e questo ha un impatto importante sull’autonomia e il riscaldamento del computer, soprattutto nei laptop.

Questo dovrebbe favorire le applicazioni che richiedono elaborazioni grafiche intensive, come i software di modellazione, di montaggio video, e i giochi per mac, uno dei settori più interessanti per il futuro e che sta diventando centrale nei programmi di gran parte dei concorrenti della casa della mela.

I vantaggi sono soprattutto nell’efficienza delle prestazioni: la macchina ha bisogno di meno energia per raggiungere gli stessi risultati di prima, e questo ha un impatto importante sull’autonomia e il riscaldamento del computer, soprattutto nei laptop.

La roadmap per il lancio delle nuove macchine M2

L’autunno sembra essere il momento in cui Apple introdurrà sul mercato i processori più potenti e interessanti per i power user, ovvero i processori M2 Pro e M2 Max, che rappresentano la fascia alta del mercato. Secondo Mark Gurman di Bloomberg, conoscitore del mondo Apple, questo è ciò che gli utenti si aspettano.

Le macchine sono già state migliorate: i nuovi modelli da 14 e 16 pollici hanno già un’architettura più moderna che offre più porte, il caricatore MagSafe, la webcam e il display completamente rinnovati nelle prestazioni. Insomma, dopo aver ritoccato la carrozzeria e gli interni, è ora di mettere più cavalli nel motore!

Obiettivo designato, la grafica e il video

Da sempre Apple ha fatto di questi settori il suo cavallo di battaglia, e anche nel caso delle nuove macchine sarà così. Già le caratteristiche di base del nuovo chip ci rassicurano in merito. I benchmark dei chip M2 mostrano prestazioni migliori dell’11% circa sulle operazioni single-core e del 19% circa su quelle multi-core, e questo migliorerà ulteriormente con l’introduzione dei modelli top, appunto i Pro, i Max e l’Ultra, lanciato solo nel marzo scorso.

Inoltre, il chip M2 racchiude nella sua fascia base caratteristiche che prima erano solo disponibili nei modelli M1 “avanzati”, come la codifica video 4K e la gestione veloce della memoria LP5.

La tempistica e le incertezza

Sebbene questa strategia sia stata usata con successo in passato da Apple per il lancio e lo sviluppo delle macchine M1, le attuali condizioni del mercato sono diverse, soprattutto per la penuria di certi chip che arrivano dall’Est del mondo.

È quindi possibile che il lancio e l’approvigionamento di queste nuove macchine abbia una “finestra” di lancio allungata di qualche mese, dove la primavera 2023 potrebbe rappresentare la previsione più pessimistica.

Come al solito, si partirà dalle macchine più semplici all’inizio per arrivare a quelle più performanti alla fine del periodo di introduzione. Staremo a vedere!

Tags

Redazione

Foggiareporter.it è il quotidiano online della Provincia di Foggia. Cronaca, eventi, politica e sport dalla Capitanata. Leggi tutti i nostri articoli.
Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock