Salute e Benessere

Partecipazione ed inclusione: procedono i lavori a San Severo di coinvolgimento del territorio sul tema dei diritti civili ed il contrasto al caporalato.

Dopo il lungo percorso di condivisione delle scorse settimane sui temi dei Diritti Civili, dei processi di inclusione sociale e del contrasto al caporalato promosso dall’amministrazione comunale, ieri si è tenuto l’incontro, denominato “I have a dream – Difesa dei diritti civili e processi di inclusione sociale” a cui hanno preso parte le Organizzazioni sindacali, il terzo settore, il privato sociale, la Caritas, il Gal, alcuni giovani imprenditori agricoli, alcune organizzazioni dei datoriali, il Centro per l’impiego, Arpal e tanti altri.
L’incontro rientrava nel Progetto di partecipazione dal basso, denominato “InCas”, mediante cui Anci, in collaborazione con la Fondazione “Cittalia”, e su mandato del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ambisce a costruire un laboratorio di idee dal basso per la redazione di un Piano d’Azione Multisettoriale, cucito sulle peculiarità espresse dal nostro Territorio, per la prevenzione ed il contrasto allo sfruttamento lavorativo ed il caporalato. L’incontro è partito dalla narrazione delle esperienze del Territorio consentendo a quanti non le conoscevano di entrare in contatto con tali realtà. A tal fine è stato essenziale l’ascolto di quanti il tema dello sfruttamento l’hanno toccato con mano o hanno maturato un’esperienza sul campo. Il racconto è servito non solo per conoscere quanta strada sia stata fatta sul Territorio, evidenziando i punti di forza, ma anche quanto ci sia ancora da fare, senza celare i punti di debolezza di ogni singola progettazione. Nel primo pomeriggio, l’incontro è proseguito con una fase dinamica e partecipata, facilitata dai consulenti di “Com.in 4.0”, progetto capofila dalla Regione Puglia: dapprima attraverso una veloce suggestione sulle diverse azioni sul “Piano Triennale di contrasto di contrasto allo sfruttamento lavorativo in agricoltura e al caporalato” per poi passare ai tavoli di discussione su “Lavoro”, “Abitazione e trasporti” ed “Inclusione sociale”. Gli astanti si sono iscritti liberamente ai diversi tavoli, confrontandosi e discutendo sui diversi temi. L’incontro si è concluso con un momento di confronto e restituzione dei diversi argomenti. Un momento di grande partecipazione e di piena condivisione.
“Siamo pienamente soddisfatti dell’adesione delle diverse realtà intervenute e del grande coinvolgimento riscontrato – dichiarano il Sindaco Francesco Miglio e l’Assessore alle Politiche Sociali Simona Venditti -. Auspichiamo, inoltre, che in futuro tutti i soggetti che gravitano attorno al fenomeno diano il proprio contributo, partendo dal mondo dell’imprenditoria agricola per proseguire con gli enti pubblici che hanno responsabilità in materia: dai dirigenti scolastici, non ultimo del CPIA, alle associazioni che erogano formazione. Tutti, nessuno escluso!”

Back to top button