Lavoro

Lavoratori lapidei senza contratto integrativo, sindacati pronti allo sciopero

A distanza di 9 mesi dalla presentazione della piattaforma a Confindustria per il rinnovo dell’integrativo provinciale dei lavoratori del settore lapideo, ad oggi non c’è ancora l’apertura del tavolo negoziale. È quanto denunciato in una nota unitaria i tre segretari generali delle categorie delle costruzioni della provincia di Foggia.

“Siamo reduci dall’assemblea generale con gli addetti del comparto lapideo svolta l’8 marzo scorso presso Casa Matteo Salvatore ad Apricena, dove le organizzazioni sindacali, insieme ai lavoratori, hanno deciso di proseguire nello stato di agitazione già proclamato, in attesa di una convocazione che apra finalmente un confronto e una discussione sui punti della piattaforma presentata a fine giugno”, dichiarano i Segretari Generali di Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil di Foggia – Severino Minischetti, Giuseppe Villani e Savino Tango.

“Le sigle sindacali sono disponibili ad avviare il confronto sin da subito e ad attendere una risposta fino alla data del 13 marzo prossimo, come da comunicazione inviata a Confindustria. In mancanza di riscontro Feneal, Filca e Fillea si riservano di intraprendere forme di lotta e di rivendicazione più articolate a partire da un’astensione dal lavoro già da lunedì 18 marzo. Parliamo – concludono i tre segretari – di un settore che vive segnali di ripresa, mentre l’inflazione ha eroso i redditi da lavoro e nell’integrativo provinciale c’è bisogno di affrontare il tema del salario come quello della sicurezza e altri punti che sostengono uno sviluppo del comparto, che vede l’area marmifera del Nord Tavoliere come una delle più importanti del Paese”. (red/r.m.24)

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio