Ambiente

La produzione di olio d'oliva in Italia è ai minimi storici

Il 2018 è stata una delle peggiori annate di sempre per l’olivicoltura nazionale. Cala del 57% la produzione di olio d’oliva in Italia rispetto al 2017, raggiungendo i minimi storici; a rilevarlo sono ultime elaborazioni dell’Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare (Ismea). Sono state le regioni del Mezzogiorno, in testa la Puglia, ad accusare le perdite maggiori.
La Puglia rappresenta circa la metà della produzione nazionale, colpita da una flessione stimabile attorno al 65%, a causa delle gelate e dei problemi fitosanitari che hanno colpito gli uliveti. L’Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare sottolinea inoltre che “negli ultimi sei anni è già la terza volta che le campagne di “scarica” si presentano con flessioni produttive che vanno oltre la fisiologica alternanza, a causa della frequenza con cui si manifestano eventi meteorologici avversi”.
Infine si segnala che dal punto di vista dei riflessi sul mercato la scarsità di prodotto non ha tardato a manifestarsi: i listini dell’extra vergine hanno raggiunto a dicembre i 5,60 euro al kg (+40% rispetto a giugno), con valori superiori ai 7 euro al chilo in Sicilia e vicini ai 6 euro nel Barese. Resta negativo, nonostante i recuperi, il confronto dei prezzi su base annua anche per la pressione determinata dal mercato spagnolo che, di contro – spiega Ismea – può contare su una campagna produttiva abbondante: secondo le ultime stime la produzione iberica sfiora 1,6 milioni di tonnellate (24%) sul 2017, determinando- sostengono i ricercatori – una flessione dei listini spagnoli e condizionando anche il mercato greco e tunisino, dove invece la produzione è prevista in calo di oltre il 30%.
Fonte: Ansa

Redazione

Foggiareporter.it è il quotidiano online della Provincia di Foggia. Cronaca, eventi, politica e sport dalla Capitanata. Leggi tutti i nostri articoli.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock