Categorie: Cultura e territorio

Il 20 settembre 1944 nasce Gianni Pirazzini, lo storico capitano del Foggia

Oggi, il 20 settembre 1944, nasce una leggenda del calcio foggiano

Gianni Pirazzini è considerato il capitano per eccellenza della squadra rossonera. Oggi, il 20 settembre 1944, nasce a Cotignola, in provincia di Ravenna il grande capitano del Foggia che, ad oggi, resta il calciatore che ha vestito più volte la maglia del Foggia disputando 374 gare di campionato delle 424 ufficiali.

Pirazzini ha contribuito alle tre storiche promozioni dei rossoneri in serie A degli anni Settanta, da quel momento il suo nome è rimasto sempre legato alla squadra dei satanelli e alla maglia rossonera del Foggia.

Tempo fa, nel 2017, abbiamo avuto l’onore di scambiare quattro chiacchiere con questa leggenda del calcio foggiano, ecco cosa ci ha detto.

Quali sono i suoi ricordi delle tre promozioni in serie A conquistate da giocatore?

Veramente le Promozioni sono 4 Tre in serie A e una in serie B, più una salvezza in Serie A col Campionato a 16 Squadre. Sono tutte belle anche se la più sofferta è stata quella del 1976 con Balestri nell’anno più difficile della mia carriera. Con la promozione di Toneatto e Balestri siamo andati a piedi a San Giovanni Rotondo per il voto fatto a Padre Pio.

Quali secondo lei le analogie e le differenze tra il Foggia di questa stagione con Giovanni Stroppa in panchina e quello di Roberto De Zerbi?

Le differenze tra i due allenatori sono sostanziali. Se il Foggia sale in Serie B deve ringraziare Stroppa, lui è l’artefice di questo capolavoro battendo anche tutti coloro che lo hanno contestato subito perché innamorati di De Zerbi, se fosse rimasto lui il Foggia non sarebbe salito in B.

In occasione dei suoi 70 anni, le è stata conferita la cittadinanza onoraria foggiana, cosa rappresenta per lei la città di Foggia?

Foggia per me rappresenta tutto mi ha dato una famiglia notorietà la gente mi vuole bene e mi ha dato un grande riconoscimento, la Cittadaninza Onoraria e sono Orgoglioso e Onorato di averla ricevuta.

Share
Pubblicato da
redazione