Gianpiero Saglimbene, l’operazione è riuscita

L'intervento è riuscito, Gianpiero continua le terapie

Foggia Reporter

Gianpiero Saglimbene, il sergente originario di San Severo affetto da un raro sarcoma continua le terapie e la sua battaglia dopo il delicato intervento al quale è stato sottoposto a New York. Ad annunciarlo la moglie Barbara Rado, sempre al suo fianco.

“Da ieri che i medici hanno provato a far camminare e sedere Gianpiero, per accelerare il suo recupero post operatorio. L’intervento è stato importante e quindi continua a ricevere trasfusioni, gli è stato rimosso sondino naso gastrico e ossigeno… Si sono presentati alcuni problemi al battito cardiaco, ma dopo un esame é stato appurato che non è nulla di importante”. scriveva ieri la moglie di Gianpiero.

“Gli sono stati riscontrati due trombi alle gambe, e gli hanno fatto un intervento per scongiurare il pericolo che arrivassero ai polmoni o al cervello. Per il resto tutto procede al meglio, starà ancora però qualche altro giorno in terapia intensiva, sotto alto controllo, visto che l’intervento è stato molto importante ed esteso a più organi”.

Il militare è molto seguito sui social e in poco tempo è riuscito a diventare un vero e proprio esempio. Un uomo che combatte per mandar via un tumore raro, che non si abbatte e continua a lottare. Per lui si sono mossi tutti, dal Ministro della Difesa Trenta ai giornalisti, militari e tutte le persone che non hanno mai abbandonato la speranza e credono ancora che le che il male si può sconfiggere.