U’pilanghill: a Foggia d’estate è d’obbligo mangiare le pannocchie

Che estate sarebbe a Foggia senza pannocchie?

Foggia Reporter

Foggia – I foggiani vanno matti per le pannocchie e quando arriva la bella stagione, agli angoli delle strade nei vari quartieri della città, spuntano gli storici e i nuovi venditori di pannocchie, pronti a vendere deliziose spighe di granoturco.

Da addentare per strada o da mangiare a casa con la famiglia, le pannocchie, soprattutto d’estate, non possono mancare a Foggia, rientrano, infatti, tra i caratteristici “piatti” della nostra tradizione culinaria estiva.

In questi giorni sul ciglio delle strade foggiane vi capiterà di incrociare signore che affondano, in grandi calderoni, decine e decine di deliziose e gialle pannocchie pronte per essere sgranocchiate. Ogni venditore o venditrice ha un suo orario ben preciso in cui inizia a richiamare l’attenzione degli abitanti del quartiere con urla e musica. «Nel mio quartiere alle 20:00 in punto lo storico venditore inizia ad urlare: Tre pannocchie 2 euro, apprifittatene, approfittatene”, non sarebbe estate a Foggia senza la sua voce e le sue ottime pannocchie», ci dice la signora Tonia.

«Nella mia zona la storica signora delle pannocchie arriva ogni giorno puntale alle 19:00, io vado matta per le pannocchie, sono saporite e sanno d’estate», aggiunge la signora Carmela. Una cosa che la nostra città non perderà mai sono proprio le sue tradizioni, quelle rimarrano per sempre.