Samuel, il piccolo “volontario” della Trash Challenge che vuole pulire i parchi di Foggia

Una giovane speranza per un futuro migliore della nostra città

Foggia Reporter

Foggia è la mia città e tutti i parchi devono essere curati e puliti”, ecco le parole del piccolo Samuel, un bambino che dopo aver scoperto l’iniziativa green made in Foggia Trash Challenge, ha voluto contribuire, nel suo piccolo, a preservare e curare i giardini in cui gioca con i suoi amici.

Della Trash Challenge Samuel non sapeva nulla fino a quando l’8 giugno ha sentito e visto i volontari aggirarsi nei giardini su cui si affaccia il balcone di casa della nonna. Incuriosito, si è presentatoai volontari e, dopo aver portato loro dell’acqua, si è subito dato da fare per ripulire quello che è il suo parco dove d’estate gioca e incontra i suoi amichetti.

“Samuel ha una sensibilità, una purezza che va preservata. Merita di crescere in un posto pulito, un posto che rispecchi la purezza macchiata dall’indifferenza, quella di chi lascia che Samuel guardi con i suoi occhi i rifiuti sparsi per la sua città. La città per cui nutre speranza, la città in cui un giorno vorrebbe vivere piuttosto che scappare.

Merita di imparare ad amare la sua terra e rispettarla nel modo più giusto: gli esempi e i gesti buoni sono l’incipit di un percorso lunghissimo. I bambini sono speranza, curiosità, riescono ad apprendere come spugne! Lasciamo che assorbano le giuste informazioni, i gesti sani per essere loro l’esempio del futuro”. si legge nella pagina Facebook di Trash Challenge Foggia.