Cultura e territorio

Foggia si prepara alla Via Crucis del Venerdì Santo

La Settimana Santa, iniziata con la domenica delle Palme, ha nel venerdì il suo giorno più particolare, denso di emozioni e liturgicamente più partecipato. Si rievoca la Passione di Gesù Cristo. Il suo sacrificio sulla croce viene ricordato attraverso una serie di eventi. Come di consueto, anche quest’anno, ci sarà l’appuntamento del Venerdì Santo con la processione dei Misteri Dolorosi – che rappresentano le varie tappe del Calvario di Gesù.

Quest’anno ci sarà una novità. La processione accompagnerà la Via Crucis, le cui meditazioni sono state scritte dall’Arcivescovo di Foggia-Bovino mons. Vincenzo Pelvi. Scrive il presule, nell’introduzione della stessa, che “nessuno può definirsi arrivato nella fede. Una verità questa, che vivo – come Vescovo – con timorosa consapevolezza, facendomi discepolo delle famiglie schiacciate dal dolore e sostenute dall’amore. Anche il dolore può diventare cattedra di speranza che rinnova la potenza dell’amore in ogni situazione della vita, della storia, del mondo, togliendo il malessere e la malevolenza dal cuore”. Sarà dunque un percorso incentrato sul tema dell’amore, della famiglia e della sofferenza dietro la quale può celarsi una speranza.

Particolari sono le statue dei misteri che precederanno la statua dell’Addolorata e il Cristo morto. Queste, saranno portate dalle diverse confraternite – circa quindici – che sono presenti in diverse chiese storiche della città dauna. La processione del Venerdì Santo è fortemente sentita e partecipata da migliaia di fedeli che, con volti commossi, bagnati di lacrime e speranzosi accompagneranno silenziosamente il percorso seguito dalla struggente processione lungo le vie del centro cittadino. Al termine della stessa ci sarà il messaggio che il Vescovo rivolgerà alla città. Attesissimo è il tradizionale e commovente incontro tra la statua dell’Addolorata e il corpo esanime del Cristo che avverrà in piazza XX Settembre e che noi seguiremo con una diretta facebook.

Infine, il giorno di Pasqua, nella Chiesa dell’Addolorata, la stessa statua che viene portata in processione il Venerdì Santo, verrà adornata di fiori che simboleggiano la gioia per la resurrezione.

Valerio Palmieri

Giornalista praticante, laureato in Lettere Moderne presso l’Università degli Studi di Foggia. Laureato in Filologia moderna con 110 e lode. Da sempre sono appassionato di scrittura e, dopo varie collaborazioni, da gennaio 2017 sono redattore di Foggia Reporter. Mi occupo principalmente di politica, eventi religiosi e interviste. Sono convinto che la comunicazione digitale sia lo strumento più efficace per attuare quella rivoluzione culturale che tanto bene può fare al nostro territorio locale e nazionale.

Articoli correlati

Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock