Cultura e territorio

La ruota panoramica resta fino a San Valentino. Il simbolo di un 2020 nel segno della cultura: parola di Anna Paola Giuliani

Foggia – E’ stata senza dubbio il simbolo delle festività natalizie foggiane. Stiamo parlando della ruota panoramica che, dall’8 dicembre, ha acceso le sue luci sfolgoranti con cui ormai da più di un mese impreziosisce il pronao della Villa Comunale.

Uno sfondo suggestivo per l’isola pedonale cittadina che mette ormai tutti d’accordo. All’inizio infatti era stata accolta con stupore, poi subito finita al centro delle polemiche per via del suo funzionamento che avrebbe gravato sulla corrente pubblica – polemica prontamente arginata da parte del Comune – ancora, baluardo di una proposta di matrimonio che purtroppo non ha avuto il lieto fine a causa della tragica morte di Ilaria Adriatico.

Tuttavia, proprio come nei più classici carillon natalizi, la ruota panoramica è stata sempre lì, a fare da sfondo, placida ma implacabile nel suo infinito giro lento che ha finito per conquistare tutti. Grandi e piccini infatti sono saliti almeno una volta spinti dalla curiosità di poter ammirare dall’alto la propria città. Una visuale che ha fatto – almeno così sembra dagli umori dei social – innamorare di nuovo i cittadini delle bellezze – a volte poco apprezzate – del capoluogo dauno.

La ruota panoramica avrebbe dovuto terminare la sua tappa a Foggia al termine delle feste natalizie e invece resterà fino a San Valentino per regalare ancora magici momenti non solo agli innamorati. Per tutto il periodo della proroga il gestore si farà carico della corrente – fanno sapere dal Comune – ma, lasciando da parte tecnicismi e burocrazia, ciò che conta è il risultato.

La ruota panoramica infatti è il simbolo di una Foggia che ha voglia di sognare: “Scegliere di prorogare la ruota panoramica fino a San Valentino – dichiara Anna Paola Giuliani, Assessore alla Cultura – non fa parte di una strategia ma semplicemente di una scelta naturale nei confronti dei cittadini e di un’ ad un’attrazione che è piaciuta. La risposta c’è stata ed è stata una buona risposta”.

Infatti, anche se sono venute meno le altre luminarie, la pista di pattinaggio e i mercatini natalizi, la ruota panoramica invece sta continuando a fare il suo lavoro: quello di regalare emozioni e permetterci di volare un po’ più su, lontani dai problemi della quotidianità, almeno per un momento, ma, sopratutto ci rammenta l’importanza di attrattive e proposte culturali di cui Foggia ha bisogno.

La ruota panoramica si può considerare il simbolo in cui si incide il solco di questo 2020, un nuovo anno per Foggia che riparte all’insegna della cultura. Anche l’Assessore Giuliani nutre la stessa fiducia: ” Foggia deve ricominciare dalla cultura, ha tutte le potenzialità per poterlo fare, l’ha dimostrato”.

E allora, godiamoci lo spettacolo di Foggia da una delle 24 cabine della ruota, consapevoli che, quando toccheremo di nuovo terra, ci saranno ancora tante iniziative culturali pronte a far vibrare i nostri cuori e ad allietare la nostra mente.


Dalila Campanile

Giornalista pubblicista, addetta stampa e digital PR. Sin da piccola non ho mai smesso di coltivare una delle mie più grandi passioni: la scrittura. Dopo l’esperienza di redattrice presso il giornalino scolastico delle scuole medie “Il SottoSopra”, ho capito che la mia strada sarebbe stata quella: non mi sono mai fermata, intraprendendo numerose collaborazioni con le testate locali, specializzandomi in articoli di costume. Poi sono arrivate le collaborazioni per gli uffici stampa e la comunicazione digitale. Dopo la laurea in legge – la mie materia preferite? Inevitabilmente Diritto Commerciale e Diritto delle Comunicazioni – ho seguito numerosi corsi di aggiornamento e specializzazione per affinare le mie doti comunicative. La mia missione? Far circolare le buone notizie e raccontare il bello che ci circonda, perché non bisogna mai darlo per scontato.

Articoli correlati

Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock