Attualità

Foggia, a breve piantati 182 alberi in vari punti della città. Landella: “Costo zero per le casse comunali”

Foggia – Saranno messe a dimora, nelle prossime settimane, 182 piante in alcune aree cittadine.

Verranno anche liberate le conchette da alcune ceppaie dopo l’eradicazioni di alberi malati, in cui ci sarà spazio per nuove piante.

Dichiarazioni del sindaco Landella


“Ci apprestiamo a piantare ben 182 alberi in vari punti della città. Le piante saranno messe a dimora a costo zero per le casse comunali – dichiara il sindaco di Foggia, Franco Landella – perché offerti in sede di gara come miglioria del servizio di manutenzione del verde pubblico nel capitolato d’appalto che si è aggiudicata l’azienda Foggia Più Verde.

Ove possibile, verranno ripiantate le stesse specie, come in viale Kennedy, rimasta orfana delle palme delle Canarie attaccate dal punteruolo rosso, che saranno sostituite con delle palme più resistenti come la Washingtonia. Si tratta di una ulteriore conferma del lavoro di manutenzione ordinaria e straordinaria svolto in questi anni, anche se, come disse Lao Tzu, fa più rumore un albero che cade rispetto ad una foresta che cresce”.

Saranno messe a dimora anche dei lecci in piazzale Vittorio Veneto, piazza Giovanni Panunzio, piazza Cavour e in piazza Maria Grazia Barone, dei platani in piazza Italia, piazza Aldo Moro, i bagolari in via Gramsci, viale Ofanto e via Nannarone, mentre altre palme saranno piantate in via Grilli.

Dichiarazioni dell’assessore De Martino

“Abbiamo deciso di ripiantare negli stessi spazi dove sono state eradicate le piante ritenute malate o pericolose – spiega l’assessore all’Ambiente, Matteo De Martino –.

Mentre in altre zone abbiamo deciso di piantumare altre specie, previste nel regolamento comunale del verde pubblico, che non creassero problemi come il sollevamento dell’asfalto su strade e marciapiedi”.

Redazione

Foggiareporter.it è il quotidiano online della Provincia di Foggia. Cronaca, eventi, politica e sport dalla Capitanata. Leggi tutti i nostri articoli.
Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock