Attualità

Foggia, migranti in Procura: parte il nuovo e coraggioso progetto foggiano

Foggia – Nelle ultime ore la scelta del procuratore della Repubblica di Foggia di inserire quattro migranti in un ambizioso progetto nato grazie ad una convenzione attivata con le cooperativa sociali Medtraining e Iris, ha diviso l’opinione pubblica foggiana.

Integrazione, accoglienza e riscatto: queste le parole che servono per descrivere la scelta di inserire quattro migranti in alcuni uffici della procura della Repubblica come tirocinanti.

Se da una parte c’è chi guarda con positività e grande entusiasmo la scelta del procuratore, in quanto chiaro e coraggioso messaggio di integrazione, c’è anche chi è pronto a sollevare delle polemiche.

“Il migrante che lavora per la Procura di Foggia, che lavora per la legalità è un simbolo”. Queste le parole di Ludovico Vaccaro, procuratore della Repubblica di Foggia che ieri ha illustrato un protocollo, stipulato con le società cooperative Iris e Medtraning, per la realizzazione di percorsi di integrazione di quattro cittadini stranieri inseriti nel sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati.

L’ambizioso progetto è già partito e i migranti seguiranno, negli uffici giudiziari, un tirocinio di tre mesi estendibile per altri tre, con mansioni di ausiliari. Ricordiamo che i percorsi formativi saranno costo zero per il Ministero.

I protagonisti di questa esperienza sono quattro migranti: il 34enne Kouyate che proviene dalla Costa d’Avorio e si occupa della movimentazione dei fascicoli negli uffici al terzo piano della Procura; il 38enne marocchino Abdelkader, impiegato nell’ufficio Tiap e archivio; il 33enne Haytem, che viene dalla Libia e ha trovato occupazione nell’ufficio dibattimento; e il 59enne marocchino Achab, che ha iniziato proprio ieri il suo tirocinio nell’ufficio smaltimento atti e segreteria.

Fonte: Ansa

Redazione

Foggiareporter.it è il quotidiano online della Provincia di Foggia. Cronaca, eventi, politica e sport dalla Capitanata. Leggi tutti i nostri articoli.
Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock