Attualità

Fibra ottica per Internet: cos’è, com’è fatta e come funziona

Cos’è la fibra ottica per internet?

Quando ci si collega a internet, la fibra ottica si dimostra una delle opzioni preferite in assoluto dagli utenti, perché consente la trasmissione di una grande mole di dati a velocità elevatissime. E pensare che una cinquantina di anni fa, quella che oggi viene definita come fibra internet veniva utilizzata a mero scopo decorativo per la produzione di lampade colorate. Da qualche decennio, invece, le fibre ottiche si dimostrano fondamentali nel comparto delle telecomunicazioni: basti pensare alla rete internet, alle reti telefoniche e ai collegamenti sottomarini intercontinentali, tanto per fare degli esempi. In comune hanno il fatto che sono in fibra ottica. La graduale sostituzione dei classici cavi telefonici in rame con le fibre ottiche certifica come questo mercato attraversi una fase di evoluzione, tanto è vero che allo stato attuale delle cose oltre l’80% delle informazioni internet, delle conversazioni telefoniche e dei video in streaming viaggia proprio su questa infrastruttura sempre più all’avanguardia.

Com’è fatta la fibra ottica per internet?

La fibra ottica è un cavo costituito da filamenti trasparenti molto sottili, realizzati in silicio o in alternativa in polimeri plastici. Una guaina composta da materiali isolanti è deputati a tenere insieme questo fasci di filamenti. Ognuno di questi è costituito da ben 2 strati concentrici: da un lato, vi è il core, ossia un cilindro centrale, mentre dall’altro, vi è il cladding, un involucro che lo riveste. Il diametro del primo è compreso fra i 10 e i 50 µm, mentre quello del secondo è attorno ai µm. Al fine di irrobustire il cavo, è frequente che i suddetti filamenti vengano intrecciati insieme a fili particolarmente resistenti che, però, non trasmettono dati. Per quanto sia all’avanguardia dal punto di vista tecnologico, la fibra ottica appare particolarmente delicata. Basta un semplice urto, ma anche un’oscillazione o ancora un brusco movimento per causare la sua rottura. In questo caso, i dati verrebbero persi. Affinché ciò non si verifichi, le case produttrici puntano molto su una guaina esterna, deputata a proteggere le fibre. Il cavo, una volta avvolto all’interno, non tende a risentirne in caso di umidità o di aumenti delle temperature, dovuti a surriscaldamenti o alla presenza di fonti di calore nei paraggi.

Come funziona la fibra ottica per internet?

Le prestazioni dei cavi in fibra ottica sono ampiamente superiori rispetto a quelle garantite dall’ADSL. In primo luogo, la trasmissione delle informazioni avviene a velocità superiori. Poi, a differenza dei cavi in rame, i materiali adottati si caratterizzano per maggiore leggerezza e flessibilità. Risultato? Risentono decisamente meno dei disturbi dovuti a guasti elettrici o a perturbazioni atmosferiche. Lo specchio tubolare è alla base del processo relativo alla trasmissione delle informazioni. In sostanza, una volta entrata all’interno del nucleo, la luce viaggia sino al mantello, trasportando i dati tra i server, i router, i modem e le infrastrutture dei provider. Questi sono i vari dispositivi chiamati a trasmettere e a ricevere i dati. Le informazioni vengono trasferite sotto forma di segnali di luce a importanti velocità di trasmissione. Il merito di tutto questo è attribuibile ai cavi della fibra ottica, in quanto riescono a sfruttare una banda di frequenza decisamente elevata. Fra le numerose offerte per la fibra, come https://www.beactive.it/offerte-fibra/offerte-fibra-casa/, si dimostra fra le più competitive in assoluto, offrendo pacchetti che permettono una navigazione online sino a 1 Giga in fase di download. Occorre constatare, però, che la fibra veloce ha un limite che ad oggi risulta piuttosto evidente, vale a dire quello attinente alla copertura di rete. Purtroppo, nonostante i progressi effettuati negli ultimi anni, non tutte le zone del nostro territorio risultano coperte in maniera adeguata. Ragion per cui, prima di formulare la richiesta relativa all’installazione della fibra internet, è il caso di fare le dovute verifiche, mettendosi in contatto direttamente con il provider di riferimento. In alternativa, effettuare una comoda verifica online è un’altra alternativa da prendere seriamente in considerazione.

Back to top button