Comunicati Stampa

“Emiliano e Piemontese facciano chiarezza sull’incapacità della Regione Puglia di spendere fondi Ue e nazionali”, la nota di Fratelli D’Italia regionale

“Il Consiglio dei Ministri ha preso atto, nei giorni scorsi, della
relazione sullo stato di attuazione della politica di coesione europea e
nazionale programmazione 2014-2020. Un documento ufficiale che fornisce
l’esatta fotografia sulle risorse messe a disposizione negli ultimi sette
anni. Dalla lettura di questa relazione emergono dati allarmanti
riguardanti l’incapacità della Regione Puglia governata da Emiliano di
spendere questi fondi. Eppure avevamo posto dei quesiti su questa materia
all’assessore Piemontese in sede di approvazione di bilancio a dicembre
2022. Interrogativi rimasti inevasi, caduti in un silenzio imbarazzante. I
nostri dubbi, purtroppo, erano più che fondati e sono oggi corroborati da
una relazione ufficiale che è impietosa”. Lo hanno affermato i
consiglieri regionali di Fratelli d’Italia: Francesco Ventola, Luigi
Caroli, Giannicola De Leonardis, Antonio Gabellone, Renato Perrini e
Michele Picaro, durante la conferenza stampa di questa mattina.

“La Regione Puglia, per il periodo 2014- 2020, aveva a disposizione
risorse complessive pari a 9,75 miliardi di euro e ne ha spese 4,028, una
cifra pari al 42%. Nel dettaglio – spiegano i consiglieri di Fratelli
d’Italia – 4,450 miliardi di fondi POR di cui spesi 4,2. Di questi, 750
milioni di euro sono stati destinati all’emergenza Covid. 2,9 miliardi di
euro di programma complementare (finanziato dalle risorse nazionali del
cofinanziamento scorporate dai Por per evitare il disimpegno). Di questi
spesi 0. Nel dettaglio, si parla di un problema di comunicazione tra i
sistemi di monitoraggio. In sostanza, in questo programma, sono stati
spostati gli interventi inseriti nel Por e non realizzabili entro il 2023,
visto che il POC deve essere speso entro il 2026. 2,4 miliardi di fondi FSC
2014-2020 di cui spesi 328 milioni di euro, pari al 13,4% delle risorse
assegnate al di sotto di 5 punti della media nazionale”.

“Chiederemo a Emiliano e Piemontese – proseguono i consiglieri
meloniani – di venire a riferire in audizione nelle prossime Commissioni
Bilancio. Dovessero disertare i lavori della Commissione, pratica peraltro
usuale per il presidente Emiliano che si estende anche alle sedute del
Consiglio regionale, persevereremo nel percorso istituzionale presentando
una mozione in Consiglio affinché vengano fornite risposte chiare su
numeri che sono oggettivi. Vogliamo sapere e i pugliesi pretendono di
sapere il perché non sono state sfruttate le cospicue risorse che erano a
disposizione. La gestione Emiliano, di contro, dimostra sicuramente
costanza nello spendere male il denaro pubblico, sperperando in mille
rivoli di piccolo cabotaggio anziché in opere necessarie ed importanti che
dovrebbero limitare il gap tra la Puglia e le regioni del Nord”,
concludono gli esponenti del Gruppo consiliare di Fratelli
d’Italia./comunicato

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio