Attualità

Coronavirus, l’appello di Pasquale a Bucarest: “Nessuno ci risponde, non lasciateci soli!”

Foggia – Foggiani in giro per il mondo ai tempi del Coronavirus. La situazione non è facile, mancano le risposte e i ragazzi si sentono abbandonati.

Ecco l’appello del giovane Pasquale Carusillo studente Erasmus a Bucarest, in Romania. Pasquale è originario di Pietra Montecorvino, comune in provincia di Foggia.

La mia idea è quella di restare qui ma allo stesso tempo vorrei che lo Stato non si dimenticasse di noi. Se qui la situazione precipita e in Italia migliora, noi abbiamo il diritto di ritornare”, ci dice Pasquale.

“Ho deciso girare questo piccolo videoclip in veste di rappresentante di un folto gruppo di studenti italiani qui in Romania nella speranza che qualcuno possa riceverlo e rispondere alle mie domande”, afferma il ragazzo condividendo su Facebook un video.

Buonasera, mi chiamo Pasquale Carusillo e sono uno studente italiano Erasmus a Bucarest.Ho deciso girare questo piccolo videoclip in veste di rappresentante di un folto gruppo di studenti italiani qui in Romania nella speranza che qualcuno possa riceverlo e rispondere alle mie domande.La situazione in Romania in questo momento non è preoccupante come in Italia ma da cittadino italiano preferirei tornare in Patria prima che la situazione degeneri. Punto 1:Oggi in data 18/03/2020 alle ore 02:00 Alitalia ha dato la possibilità di prenotare il volo Bucarest- Roma per il giorno 20/03 alle ore 17:00 e con arrivo 18:30 italiane. Alle ore 05:00 il volo era pieno. Costo del volo 200 € senza bagagli. Non vi sembra un prezzo eccessivo per un volo d’emergenza?Punto 2:Non ci è stato rilasciato da parte dell’ambasciata italiana e del consolato alcun protocollo da seguire. È impossibile riuscire a parlare con qualcuno al numero verde di Alitalia così come riuscire ad avere una risposta precisa e puntuale da parte di Ambasciata e Consolato. Molti studenti che dovrebbero prendere questo volo vengono da zone infette della Romania e la maggior parte di noi non ha né mascherine né guanti né amuchina.Nella giornata odierna 18/03 sono stato pubblicati altri due voli con partenza alle ore 20:00 dei giorni 20/03 e 21/03 sempre al prezzo di 200€ e con arrivo alle ore 21:00 italiane.Molte persone vengono da regioni diverse (Sicilia, Calabria, Puglia, Lombardia) e non sanno come tornare a casa. La maggior parte dei treni notturni sono stati cancellati. Una volta arrivati in Italia, se avessimo il virus, potremmo portarlo alle nostre famiglie e se non lo avessimo, cambiando tre treni e due autobus avremmo una grande percentuale di portarlo nel nostro paese di origine. Non sarebbe meglio fare l’isolamento obbligatorio a Roma? Sarebbe il caso di farci un tampone? In definitiva “Cosa fare arrivati a Roma?”Vi ringrazio per l’attenzione e vi prego di condividere questo video.Buonaserata. #nonlasciatesoliCONDIVIDETE E FATE GIRARE

Pubblicato da Pasquale Carusillo su Mercoledì 18 marzo 2020

E continua: “La situazione in Romania in questo momento non è preoccupante come in Italia ma da cittadino italiano preferirei tornare in Patria prima che la situazione degeneri.

Punto 1: in data 18/03/2020 alle ore 02:00 Alitalia ha dato la possibilità di prenotare il volo Bucarest- Roma per il giorno 20/03 alle ore 17:00 e con arrivo 18:30 italiane.

Alle ore 05:00 il volo era pieno. Costo del volo 200 € senza bagagli. Non vi sembra un prezzo eccessivo per un volo d’emergenza?

Punto 2: non ci è stato rilasciato da parte dell’ambasciata italiana e del consolato alcun protocollo da seguire. È impossibile riuscire a parlare con qualcuno al numero verde di Alitalia così come riuscire ad avere una risposta precisa e puntuale da parte di Ambasciata e Consolato”.

“Molti studenti che dovrebbero prendere questo volo vengono da zone infette della Romania e la maggior parte di noi non ha né mascherine né guanti né amuchina.

Nella giornata odierna 18/03 sono stato pubblicati altri due voli con partenza alle ore 20:00 dei giorni 20/03 e 21/03 sempre al prezzo di 200€ e con arrivo alle ore 21:00 italiane”, aggiunge il ragazzo.

E conclude: “Molte persone vengono da regioni diverse (Sicilia, Calabria, Puglia, Lombardia) e non sanno come tornare a casa. La maggior parte dei treni notturni sono stati cancellati.

Una volta arrivati in Italia, se avessimo il virus, potremmo portarlo alle nostre famiglie e se non lo avessimo, cambiando tre treni e due autobus avremmo una grande percentuale di portarlo nel nostro paese di origine.

Non sarebbe meglio fare l’isolamento obbligatorio a Roma? Sarebbe il caso di farci un tampone? In definitiva “Cosa fare arrivati a Roma?”.

Redazione

Foggiareporter.it è il quotidiano online della Provincia di Foggia. Cronaca, eventi, politica e sport dalla Capitanata. Leggi tutti i nostri articoli.
Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock