Cronaca

Cerignola, facevano esplodere bancomat: fermate 8 persone

CERIGNOLA – La Polizia di Stato di Foggia ha eseguito questa mattina all’alba un provvedimento di fermo nei confronti di otto persone, indagate per associazione a delinquere finalizzata a furti aggravati a sportelli postamat e bancomat, rapine, furti in esercizi commerciali, e detenzione di armi. Gli arrestati utilizzavano ordigni esplosivi artigianali noti come “marmotte”. Circa 80 agenti sono stati coinvolti nell’operazione a Cerignola, coordinata dalla Squadra Mobile della Questura di Foggia e supportata da altre unità della Direzione Centrale Anticrimine. Gli approfondimenti investigativi hanno permesso di individuare i componenti di un gruppo, specializzato nel reato di furto agli sportelli automatici di aziende di credito, anche fuori dalla provincia di Foggia e, nello specifico, in Basilicata, Campania e Abruzzo. Prima di agire, viene riferito, studiavano attentamente le aree di interesse, i percorsi da seguire, le vie di fuga e il posizionamento delle telecamere di videosorveglianza cittadina. Gli stessi, secondo quanto emerso, utilizzavano auto potenti e veloci, spesso provento di furto o noleggiate, per fuggire nel più breve tempo possibile dal luogo dell’evento criminoso. In seguito, i beni sottratti all’interno degli esercizi commerciali, ad esempio biglietti ‘gratta e vinci’ e tabacchi, venivano poi rivenduti dagli stessi.

Vincenzo D'Errico

Giornalista professionista e scrittore, impegnato a lungo nell’emittenza locale, collaboratore del quotidiano L’Edicola del Sud, direttore della Rivista Filosofia dei Diritti Umani / Philosophy of Human Rights.

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio