Attualità

Cerignola, entra nel vivo il progetto “Di Buona e Robusta Costituzione”

Entra finalmente nel vivo “Di Buona e Robusta Costituzione”, nato dalla collaborazione tra la Cooperativa Sociale “Pietra di Scarto” di Cerignola (FG) e la Fondazione ANT – Delegazione di Foggia. Finanziato da Fondazione Megamark, il progetto è tra i vincitori del Bando “Orizzonti solidali 2023” e si pone l’obiettivo di promuovere un processo di inclusione sociale e lavorativa per la tutela dei diritti e della dignità di persone che vivono situazioni di fragilità diffusa. Alla base dell’iniziativa ci sono due diritti costituzionali: il diritto al lavoro e il diritto alla salute.

Del primo si occuperà la Cooperativa Sociale “Pietra di Scarto”, attivando tre borse lavoro destinate a persone detenute e immigrate, garantendo loro la possibilità di formarsi e di acquisire competenze sia nel settore agricolo sia nella trasformazione dei prodotti agro-alimentari. Questa azione sarà svolta presso il Laboratorio di Legalità “Francesco Marcone” , bene confiscato alla mafia che la cooperativa gestisce dal 2010. Per il secondo la Fondazione ANT, con il supporto della cooperativa, realizzerà sette giornate di prevenzione oncologica interamente gratuite (tiroide, ginecologia, testicolo, melanoma), che si svolgeranno in quartieri differenti della città di Cerignola in collaborazione con tre luoghi simbolo della promozione all’inclusione: il “CERCAT” nel quartiere “Torricelli”, il “Centro per il contrasto alla Povertà” nel quartiere San Samuele e la “Casa della Carità”, in Piano San Rocco.

Le visite, che si svolgeranno dal 22 al 29 maggio, saranno possibili grazie alla presenza di un ambulatorio mobile che sosterà nei pressi delle strutture elencate. Come previsto da progetto, questa iniziativa è riservata all’utenza dei centri di riferimento e le prenotazioni verranno accolte direttamente dai responsabili delle strutture. Nelle settimana addietro sono stati organizzati, presso le strutture ospitanti, incontri di preparazione sui temi della prevenzione oncologica primaria e secondaria alla presenza di una psicologa e di una educatrice dell’ANT.

“Quando abbiamo immaginato questo progetto – afferma Pietro Fragasso di “Pietra di Scarto” – abbiamo voluto mettere al centro i due diritti che maggiormente hanno ispirato la nostra Costituzione, stella polare della nostra azione quotidiana. Se il lavoro e la salute sono elementi decisivi per la vita di ogni persona, questo è ancor più vero per coloro che vivono momenti di difficoltà e fragilità. Grazie alla Fondazione Megamark, che ha sostenuto l’iniziativa, e all’ANT, che ha deciso di condividerla con noi mettendo a disposizione la sua preziosa esperienza, abbiamo voluto lanciare un messaggio forte e chiaro: in Italia si continua a morire ancora troppo di lavoro e di cancro e molte volte questo accade perché non vengono riconosciuti diritti fondamentali come quello della sicurezza e della possibilità di curarsi.”

“Di diritto alla salute, va da sé, ANT si occupa da almeno quarant’anni – continua Raffaella Pannuti, Presidente Fondazione ANT – promuovendo un concetto di assistenza domiciliare che sia per tutti e scevra da ogni pregiudizio. Ma anche sul fronte dei diritti del lavoratore nei luoghi di lavoro, con i nostri progetti di diagnosi precoce veicolati ai dipendenti delle realtà sostenitrici sotto forma di welfare aziendale, il nostro impegno è tangibile. Per questo siamo stati subito colpiti dai caratteri dell’iniziativa promossa da Megamark, che ringraziamo, e siamo lieti di collaborare con gli amici di ‘Pietra di scarto’, portando dove più serve e a chi avrebbe maggiori difficoltà ad accedervi la competenza dei nostri professionisti della prevenzione. Che resta, lo sottolineo, la sola vera arma per vincere la battaglia contro il tumore”.

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio