Ambiente

“Carlantino sicuro”, progetto di videosorveglianza, chiesti al Ministero 100mila euro

“Carlantino sicuro”, progetto di videosorveglianza, chiesti al Ministero
100mila euro

CARLANTINO (Fg) La giunta del comune carlantinese ha approvato il
progetto “Carlantino Sicuro” per un investimento pari a circa 100mila euro. In
pratica, se il Ministero dell’Interno darà il via al piano facendolo
accedere al relativo finanziamento, si realizzerà un impianto di
videosorveglianza composto da una rete di comunicazione-dati in
tecnologia HiperLan, distribuita sul territorio comunale al fine di ottenere un
monitoraggio sia del traffico automobilistico (in entrate e in uscita)
sia del controllo su alcune strutture urbane, con particolare riferimento
alle scuole e alle aree di interesse pubblico.

“Siamo fiduciosi rispetto alla possibilità di ottenere il finanziamento
da parte del Ministero dell’Interno. E’ vero che nel nostro paese non c’è
una forte incidenza della micro criminalità – ha dichiarato il sindaco di
Carlantino, Graziano Cosciama attraverso questo progetto intendiamo
svolgere un’azione preventiva per garantire una maggiore sicurezza sul
nostro territorio. Con l’impianto di videosorveglianza – ha proseguito
il primo cittadino – attiveremo un sistema di sicurezza, una tutela del
patrimonio pubblico e privato e una prevenzione rispetto ad atti di
vandalismo, di danneggiamento ambientale e disturbo della quiete
pubblica”.

Non solo, grazie alle telecamere sarà possibile controllare le aree di
conferimento dei rifiuti per prevenire uno sversamento degli stessi non
corretto e ricostruire le dinamiche di tutti gli atti potenzialmente
illegali, in modo da favorire l’intervento delle forze dell’ordine.

Per il posizionamento degli apparati di videosorveglianza, sono stati
individuati 13 punti di interesse pubblico come le arterie stradali che
danno accesso al paese, le scuole, gli impianti sportivi e ricreativi,
la strada comunale sulla quale si affaccia l’ufficio postale e l’ingresso
del cimitero comunale.

Il numero dei punti di videosorveglianza e la loro distribuzione sul
territorio costituiscono il requisito necessario per un controllo
efficace e completo del paese. Il progetto, infatti, prevede un controllo
generalizzato del territorio e una analisi del traffico veicolare
mediante il recupero dei numeri delle targhe dei veicoli.

Il progetto “Carlantino Sicuro” rientra nel decreto emanato dal
Ministero dell’Interno denominato “Definizione delle modalità di presentazione
delle richieste di ammissione ai finanziamenti da parte dei comuni nonché i
criteri di ripartizione delle relative risorse.” In particolare, il
decreto prevede che i progetti abbiano come obiettivo la prevenzione e il
contrasto dei fenomeni di criminalità diffusa e predatoria attraverso servizi e
interventi di prossimità anche coinvolgendo le reti territoriali dei
volontari per la tutela e la salvaguardia dell’arredo urbano, delle aree
verdi e dei parchi cittadini favorendo l’impiego delle forze di polizia
nonché attraverso l’installazione di sistemi di videosorveglianza.

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio