La cantina Lamarchesa

“Il Nerone” della Cantina La Marchesa primo al Premio G.A.T.E. & GUSTO da Bere

“Il Nerone” IGP Daunia 2010 della Cantina La Marchesa di Lucera si è ...

Foggia Reporter

“Il Nerone” IGP Daunia 2010 della Cantina La Marchesa di Lucera si è aggiudicato il primo posto al Wine Contest del “I° Premio G.A.T.E. & GUSTO da BereNero di Troia.

Il concorso è organizzato in collaborazione con l’ONAV Puglia (l’organizzazione degli assaggiatori di vino) nell’ambito della sesta edizione della Fiera Nazionale Specializzata GATE & GUSTO 2016, in corso in questi giorni a Manfredonia, e prevedeva due sezioni: Nero di Troia e Bombino Bianco. Il Nerone, assieme all’IGP Puglia Bombino “Sogno di Volpe” 2015 di Cantine Ariano (vincitore nella sezione Bombino Bianco) sarà presentato con l’ONAV al Vinitaly 2016, in programma dal 10 al 13 aprile prossimi a Verona.

“Siamo molto felici per questo riconoscimento ottenuto con Il Nerone, anche perché al Wine Contest hanno partecipato ben trenta etichette di Nero di Troia”, afferma Marika Maggi fondatrice insieme al marito Sergio Lucio Grasso della Cantina La Marchesa, nata come viticoltrice nel 1988 e che oggi può contare su 14 ettari di vigneto estesi nel raggio di trecento metri dal centro aziendale.

“Il Nerone è il nostro vino rosso d’eccellenza“, dichiara Sergio Lucio Grasso, che spiega anche le origini del nome di questo vino a lui molto caro: “si chiama Nerone perché lo abbiamo dedicato all’uomo che mi ha trasmesso la sua passione per la vite, zio Gino. Grande proprietario terriero, tanto amato ma anche tanto temuto da tutti a causa del suo carattere burbero, così da meritarsi il soprannome del famoso tiranno Nerone. Un uomo burbero ma al tempo stesso sensibile. È stato lui che mi ha regalato le prime forbici per imparare a potare e che per molti anni mi ha accompagnato in questo lavoro”.

“Il Nerone” di Cantina La Marchesa è ottenuto con uva di Troia in purezza. Una piccola produzione che dà vita ad un vino dal colore rosso rubino e dall’aroma fruttato e morbido. Gli esperti lo consigliano su primi piatti corposi con ragù di carni rosse, arrosti, stufati e formaggi dal gusto deciso, meglio se stagionati, o come accompagnamento a bruschette con pomodorini, rucola spontanea e olio di Coratina.