Attualità

“Il primo compleanno senza i tuoi auguri è un dirupo complicato”, Amedeo ricorda la madre

Foggia – “E da ieri sono 37! Ogni anno, il 20 agosto, traccio una linea immaginaria nel mio percorso e do un’occhiata indietro… ma quest’anno no, mi sono solo chiuso in bagno piu volte e ho pianto, come faccio da 2 mesi, ascoltando un tuo vocale su Whatsapp, guardando una foto insieme salvata in galleria, come da 2 mesi ogni volta devo guardare i miei bambini per scacciare via la sensazione che niente piu ha senso…qui andiamo avanti”.

A scrivere questo toccante messaggio sui social è Amedeo Grieco, il noto comico foggiano del duo Pio e Amedeo, una coppia apprezzata e seguita in tutta Italia e non solo.

A due mesi dalla prematura scomparsa della madre e in occasione del suo compleanno, il foggiano ha voluto ricordare la madre con un lungo post pubblicato sui suoi profili social.

“Mà, noi stiamo insieme, si ride e si scherza, e a tutti, sono certo, sembro il solito Amedeo, così come deve essere, così come piaceva a te che di me eri proprio innamorata…devo ancora imparare a farci i conti con i vuoti in cui inciampo e il primo compleanno senza i tuoi auguri è un dirupo complicato
…perchè il tempo proverà a cancellare mentre cercheremo di tenere a galla la memoria con i reperti multimediali che ci restano, annasperemo rovistando i ricordi nella mente,ma purtroppo piano piano Federico dimenticherà il sapore delle tue orecchiette fatte a mano e Alice non ti troverà nei suoi racconti, è inevitabile”, continua Amedeo.

E ancora: “E allora chiudo gli occhi quest’anno, cercando qualche segnale che in molti dicono arriverà, ma sarà perchè non ci credo abbastanza che non mi è permesso ancora averne…io lo stesso parlo da solo con te ad alta voce, che tanto non si sa mai, magari davvero mi senti…e con gli occhi chiusi per qualche attimo dimentico che non ci sei e non ci sarai…

e mi passa davanti l’infanzia che mi hai disegnato: la frutta a pezzi con lo zucchero, io in piedi e tu seduta in pizzo al letto che mi pettini e mi abbottoni il grembiule, le mandorle fresche, la lasagna alta una sedia, i panzerotti che fumano di buono, i viaggi di notte per Bologna, le tue mani attente che mi spalmano la leocrema dietro la mia piccola schiena arrossata dal primo sole, la torta mimosa con l’ananas…ed è questa la ricchezza dell’eredità che ci hai lasciato, si sente il profumo delle tue mani nelle tue marmellate di tutti i colori

Ed è un buon compleanno a me. Grazie degli auguri Mà. Grazie a tutti quelli che me li hanno fatti e a chi me li farà…non preoccupatevi per me, voi ogni volta mi troverete sempre lo stesso, promesso”.

Redazione

Foggiareporter.it è il quotidiano online della Provincia di Foggia. Cronaca, eventi, politica e sport dalla Capitanata. Leggi tutti i nostri articoli.

Articoli correlati

Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock