Attualità

A Carlantino il flash mob contro lo spopolamento, Tutta la popolazione dei 30 comuni dei Monti Dauni è inferiore alla capienza dello stadio Meazza di Milano

Tutta la popolazione dei 30 comuni dei Monti Dauni è inferiore alla capienza dello stadio Meazza di Milano. In un’area di 227mila ettari, pari all’11,7% della superficie di tutta la Puglia, vivono meno di 80mila abitanti, Calo demografico inarrestabile dal 1961: Sant’Agata di Puglia aveva 7.313 abitanti, oggi ne conta 1.831

Dal 2001 al 2022, Carlantino è passato da 1291 a 809 residenti; Celenza Valfortore, che si trova a pochi chilometri, contava 1983 abitanti all’inizio del terzo millennio, ora ne registra  1376. Non va meglio a San Marco La Catola, altro paese del Foggiano posto al confine col Molise: qui, nel 2022, l’Ufficio Anagrafe segna 890 residenti, mentre nel 2001 erano 1508. Trenta comuni (con Lucera), una superficie di 227.473 ettari che rappresenta il 31,6% dell’intera superficie della provincia di Foggia e l’11,7% di quella regionale, ma la popolazione complessiva è scesa sotto la soglia degli 80mila abitanti, nemmeno un sesto del totale della Capitanata (595.433 residenti). La parte più antica dei centri storici di questi paesi è ormai fatta di un gran numero di case vuote, abbandonate, basi pensare che al massimo della sua espansione demografica, nel 1961, Carlantino contava 2094 abitanti, più del doppio di quelli attuali, ma il dato di Sant’Agata di Puglia, ad esempio, è ancora più clamoroso: 7.313 abitanti nel quinquennio del secondo dopoguerra, oggi sono 1831. Ed è proprio contro lo spopolamento che, il 27 dicembre 2022 alle ore 17, a Carlantino si terrà un flash mob per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’inesorabile declino demografico dell’area montana più vasta della Puglia. L’intento dell’iniziativa è quello di ritrovarsi e riflettere insieme su esigenze, idee e proposte che servano a contrastare la dinamica dello spopolamento e quella dell’emigrazione. Il flash mob sarà accompagnato dalla musica e dalla degustazione di prodotti tipici. All’iniziativa itinerante organizzata da “I Briganti dei Monti”, associazione culturale di San Marco La Catola, ha subito dato la propria adesione il Comune di Carlantino. “Abbiamo aderito perché noi non vogliamo in alcun modo rassegnarci a questo stato di cose”, ha dichiarato il sindaco di Carlantino, Graziano Coscia. “Il problema è serissimo”, ha aggiunto Coscia. “Bisogna cominciare a invertire una tendenza che dura, ininterrottamente, a partire dagli anni ’60. I problemi da affrontare sono molti: l’isolamento di questi comuni, aggravato dalla condizione delle strade e da un trasporto pubblico deficitario; la mancanza di servizi, provocato dall’abbandono delle grandi agenzie pubbliche e private come le banche, i servizi postali, i distributori di carburante, i presidi della sanità territoriale, perfino le società di distribuzione di quotidiani e riviste. Non servono palliativi, ma programmi europei e nazionali capaci di incidere realmente. In questo senso, purtroppo, il PNRR sembra un’altra grande occasione mancata. Occorrono il lavoro e centri di aggregazione basati sulla formazione e le opportunità di crescita personale, culturale ed economica per i giovani. Noi Comuni ce la mettiamo tutta, ma una tendenza così forte e radicata, con tutta una serie di criticità strutturali molto pesanti e che dipendono da fattori globali, non può essere contrastata efficacemente abbandonando le Amministrazioni comunali al loro destino, con poche risorse e scarso sostegno”. Il flash mob contro lo spopolamento è un’iniziativa itinerante: la prima tappa si è svolta a San Marco La Catola, la seconda si terrà il 27 dicembre 2022 a Carlantino, poi arriverà in tutti gli altri comuni. Durante l’evento interverranno i cittadini con le loro “storie di ripopolamento”, ossia i racconti di quelle persone che sono tornate in questi luoghi dopo essere emigrati o che sono rimasti nei loro paesi natii realizzandosi nelle loro attività. “Questo Flash Mob non deve essere solo un evento estemporaneo – ha proseguito Coscia – ma connotarsi come un’iniziativa che dobbiamo portare avanti tutti insieme, uniti più che mai in una lotta difficile da vincere”. “I convegni e i buoni propositi dei nostri politici sul tema finora non sono serviti a nulla – ha dichiarato in una nota l’associazione “I Briganti dei Monti” – noi vogliamo valorizzare le idee di quei cittadini che sono rimasti in questi paesi o che vi sono tornati sfidando i disagi e le problematiche che in questi piccoli centri si vivono quotidianamente. Il loro esempio deve ispirarci e, allo stesso tempo, deve rappresentare un messaggio positivo per tutti”.

Back to top button