Cultura e territorio

San Martino, ogni mosto diventa vino: ecco i vini più conosciuti della provincia di Foggia

In occasione del giorno di San Martino, in cui “ogni mosto diventa vino”, conosciamo meglio insieme alcuni vini tipici del nostro territorio
Cacc’e mitt: vino proveniente da Lucera, ma che si ricava lo più dai vitigni di Troia, è un rosso il cui nome affonda le sue radici alla pratica degli agricoltori di alternarsi nell’utilizzare le vasche affittate loro dai latifondisti per la vinificazione e che riprende, in sostanza, il togliere (cacc’) e il mettere (mitt) l’uva nelle vasche.
San Severo DOC: vino proveniente appunto da San Severo, nato nel 1968. Si ottiene dalle uve provenienti dal Montepulciano, dal Sangiovese, dal Bombino bianco e dal Trebbiano toscano.
Tuccanese IGT: questo vino stava per scomparire dalla tradizione, ma è stato recuperato da alcuni produttori di Orsara. In effetti è il vino più consumato del borgo dauno, conosciuto anche grazie alla tradizionale festa del vino.
Nero di Troia: questo vino dal colore molto scuro, è legato da una parte ad una leggenda che lo vuole arrivato nella nostra zona grazie a Diomede e dall’altra alla storia di Federico II di Svevia che, innamoratosi del suo sapore, ne incrementò la produzione.
E voi, quale vino preferite?

Redazione

Foggiareporter.it è il quotidiano online della Provincia di Foggia. Cronaca, eventi, politica e sport dalla Capitanata. Leggi tutti i nostri articoli.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock